Nei primi anni della sua storia, la Roma spesso e volentieri è scesa in campo nei giorni natalizi, che sono stati particolarmente prolifici. Relativamente alla Vigilia di Nataledomenica 24 dicembre 1933 travolge 5-1 l'Alessandria. Nel 1939, in Coppa Italia, la vigilia è delle più dolci: 6-1 ai toscani del Pontedera (città natale di Gianluca Mancini). Negli anni a seguire c'è spazio per un altro paio di goleade pre-natalizie: nel 1949 un tennistico 6-0 al Bari e, esattamente un anno dopo, un 4-1 all'Udinese. La stagione 1950-51 è forse la buia della storia romanista, con la retrocessione (l'unica) in Serie B, ma alla il 24 dicembre del 1950 i giallorossi rifilano il poker ai friulani. «La Roma (finalmente!) torna alla vittoria», scrive La Stampa a commento della partita: segnano Spartano, Lucchesi, Bacci e Andersson. Esattamente sessant'anni fa, nel 1961, arriva un altro poker all'Udinese: stavolta il risultato finale all'Olimpico è di 4-0, con "Piedone" Manfredini scatenato. L'argentino segna una tripletta, di Jonson l'altro gol. Passano cinque anni e la Vigilia del 1966 vede i giallorossi di Pugliese travolgere il Torino del "Paròn" Nereo Rocco: altro 4-0, stavolta con le firme di Colausig, Enzo (doppietta) e Peirò.