Dopo la sconfitta per 7-1 contro la Fiorentina, la Roma ha fato rientro a Trigoria: i giallorossi sono tornati a Roma a bordo del pullman ufficiale e non con il treno, come organizzato inizialmente, per evitare problemi di ordine pubblico alla stazione di Firenze e a Termini. Problemi che si sono in parte verificati a Trigoria, dove il pullman della Roma è stato accolto nel piazzale da insulti e calci ad opera di un gruppo di alcune decine di tifosi, prima di entrare senza ulteriori problemi all'interno del centro sportivo. L'episodio è durato pochi secondi e non ha provocato particolari danni a cose o persone. Poco prima dell'arrivo del pullman della squadra, è arrivato a Trigoria quello dello staff tecnico che, scambiato per quello dei giocatori, ha subito lo stesso trattamento.

La squadra non svolgerà alcun ritiro dopo il crollo in Coppa Italia: la maggior parte dei giocatori è tornata a casa, con l'aiuto della polizia che non ha permesso ai presenti di avvicinarsi alle macchine. Altri sono rimasti all'interno del centro sportivo "Fulvio Bernardini" e passeranno la notte lì. Tutta la squadra è convocata alle 11 per l'allenamento

Dopo l'assurda sconfitta di Firenze la Roma ha scelto di non tornare in treno, come programmato, ma di rientrare a Trigoria in pullman. Nessun ritiro: i giocatori sono convocati alle 11 per la ripresa. Alcune decine di tifosi attendono la squadra di fronte al centro sportivo, sorvegliati da un ingente numero di poliziotti. Ecco la situazione a Trigoria in attesa del rientro della squadra a bordo del pullman, partito circa alle 21.30 da Firenze. 

di: Dario Moio