Un infortunio al giorno non toglie il medico di torno. La Roma non fa in tempo a recuperare un giocatore, ieri è stata la volta di El Shaarawy che è pure stato decisivo, che ne perde un altro. Stavolta è toccato al turco Ünder, costretto a fermarsi dopo pochissimi minuti per un problema muscolare, il venticinquesimo per la Roma di quest'anno. Il turco si è fatto male dopo essere scattato, come sa fare lui, con il pallone al piede sulla corsia destra. Una ventina di metri di corsa, poi la pizzicata che lo ha costretto a sdraiarsi a bordo campo con lo staff sanitario e il giocatore che hanno fatto subito capire che era il caso di cambiare. Ünder, sostituito da El Shaarawy, si è andato ad accomodare in panchina con la coscia bloccata da una fasciatura con ghiaccio.

La Roma non ha dato troppe spiegazioni sul tipo di infortunio, l'impressione è che si tratti di un problema al quadricipite. Tra oggi e domani il giocatore si sottoporrà agli esami strumentali del caso, ma c'è il rischio che si debba fermare per quindici-venti giorni. In questo caso, l'obiettivo sarà recuperarlo per la gara d'andata degli ottavi di Champions League contro il Porto, in programma il prossimo dodici febbraio all'Olimpico.

Gli altri da recuperare

Tra gli infortunati di ieri, i due recuperabili in vista della difficile trasferta sul campo dell'Atalanta, sono Florenzi e Nzonzi. Il romano ha smaltito l'influenza e avrà una settimana di allenamenti per tornare in buone condizioni. Il francese di fatto era già recuperato per ieri, ma si è preferito non mandarlo in campo considerando pure che è in diffida. Per Perotti ci sarà bisogno di aspettare un altro paio di settimane. Juan Jesus, invece, che si è fatto male con l'Entella in Coppa Italia, venerdì è stato a Villa Stuart per un controllo dal professor Mariani che ha escluso l'operazione. Il brasiliano andrà avanti con la terapia conservativa e tra 20-25 giorni potrà tornare a disposizione. E De Rossi? Meglio andare con i piedi di piombo.