Dall'8-0 del '59 alle due cinquine rifilate negli Anni 80, dal siluro di Strootman all'ultima perla di Zaniolo in casa in campionato. L'alfabeto di Roma-Napoli

Amadei

Se per tutti Amedeo Amadei è e resterà sempre il bomber del primo Scudetto della Roma, la sua grande carriera è legata anche all'azzurro del Napoli. Non solo perché con la maglia giallorossa agli azzurri ha segnato sei gol in campionato, ma anche perché è stato l'unico nella sfida tra Roma e Napoli ad andare in gol con entrambe le maglie. Dopo aver vinto a Roma "Fornaretto" ha militato per sei stagioni tra gli azzurri: una volta ritiratosi, proprio a Napoli ha iniziato la sua carriera da allenatore.

Bianchi

Ottavio Bianchi è l'unico allenatore ad aver alzato un trofeo sia sulla panchina della Roma, sia su quella del Napoli. Dopo aver vinto uno Scudetto, una Coppa Italia e una Coppa Uefa in azzurro, Bianchi arriva in giallorosso nella stagione 1990-1991 e vince la Coppa Italia e arriva in finale di Coppa Uefa.

Cinque

La più lunga striscia di vittorie consecutive ottenute dalla Roma in tutte le competizioni contro il Napoli tra le mura di casa è di cinque successi. I giallorossi le hanno inanellate in due occasioni diverse: la prima a cavallo tra le stagioni 1995/96 e 2005/06 - complice la permanenza in B degli azzurri - la seconda tra la stagione 2012/13 e quella 2015/16.

Difensori

Gli ex romanisti (escludendo Politano, che non ha mai esordito in gare ufficiali con la maglia giallorossa) che militano nell'attuale rosa del Napoli sono tutti difensori: Mario Rui, Juan Jesus e Kostas Manolas.

Emerson

Dopo l'infortunio al crociato lo costringe ai box per 6 mesi appena sbarcato nella Capitale, Emerson esordisce con la maglia giallorossa il 28 gennaio 2001 in Roma-Napoli 3-0.

Forestieri

Romani di nascita e romanisti di fede, Carlo Mazzone, Giuseppe Giannini e Matteo Politano sono alcuni dei nati a Roma passati per Napoli.

Goleador

Il massimo goleador giallorosso nelle sfide casalinghe della Roma contro il Napoli è Dino Da Costa. L'ex attaccante brasiliano agli azzurri ha segnato 6 gol tra Serie A e Coppa Italia.

Horror

La Roma ha inflitto al Napoli la più pesante sconfitta della sua storia. Il 29 marzo 1959 i giallorossi di Nordhal travolgono 8-0 gli azzurri allenati dal "nostro" Amedeo Amadei. Apre Lojodice, raddoppia Pestrin, che ne fa due come Selmosson, mentre Dino Da Costa firma la tripletta.

Infortunio

i Calciando in rete il pallone che vale la doppietta e il definitivo 2-1 contro il Napoli, il 4 ottobre 2009 Francesco Totti si infortuna al ginocchio. Resterà stoicamente in campo, dato che la squadra di Ranieri aveva esaurito le sostituzioni a disposizione anche a causa dei precedenti ko di Motta e Julio Sergio, ma i postumi dell'infortunio si faranno sentire per il resto della stagione: saranno appena 23 le presenze del Capitano a fine campionato.

Luciano

Il grande ex della partita non scenderà in campo, ma sarà in panchina. Luciano Spalletti torna a Roma da avversario dopo quasi tre anni: l'ultimo incontro risale al 2 dicembre 2018, quando era allenatore dell'Inter.

"Manite"

Dieci gol in due partite. Questo il bottino messo insieme dalla Roma nelle due sfide casalinghe giocate in Serie A contro il Napoli nelle stagioni 1982/83 e 1983/84: 5-2 e 5-1.

Nela

Simbolo della Roma campione d'Italia, Sebino Nela ha nel Napoli la sua vittima preferita in Serie A: sono tre i gol messi a segno contro gli azzurri con la maglia della Roma, di cui due durante la stagione 1982-1983. Proprio a Napoli gioca due anni, dal 1992 al 1994.

Orlando

Romano e romanista, Alberto Orlando gioca per la squadra della sua città dal 1959 al 1964, e con il Napoli dal 1966 al 1968. In giallorosso firma 4 gol agli azzurri, compresa una tripletta in Coppa Italia in Roma-Napoli 5-0 del 1963.

Pirotecnico

Il 20 ottobre 2007 all'Olimpico va in scena il pareggio casalingo con il più alto numero di gol della storia della Roma (a pari merito con Roma-Catania del 1964): contro il Napoli finisce 4-4.

Quaranta

Sono quaranta le vittorie contro il Napoli ottenute tra le mura di casa dalla Roma dal 1927 a oggi. La prima arriva il 19 ottobre 1930, con il punteggio di 3-1.

Rigore

L'ultimo gol segnato all'Olimpico dalla Roma contro il Napoli è un rigore trasformato da Veretout il 4 ottobre del 2019. Il francese si incarica della battuta dopo che Kolarov aveva fallito il primo penalty assegnato ai giallorossi mezz'ora prima. Finisce 2-1.

Sei a due

La seconda vittoria più larga della Roma sul Napoli in Serie A è il 6-2 del 5 ottobre 1997: segnano Candela, Gautieri, Di Francesco e Balbo, che firma una tripletta. Al termine di quella stagione gli azzurri retrocedono in Serie B.

Testa

Nella partita dell'ultimo dell'anno, il 31 dicembre 1988 Rudi Voeller decide Roma-Napoli con un colpo di testa nei minuti finali.

Urlo

Il 5 febbraio 2014 Kevin Strootman segna il suo gol più bello con la maglia della Roma contro il Napoli all'Olimpico nella semifinale d'andata della Coppa Italia. Quella sera gli uomini di Garcia, in vantaggio 2-0 grazie a Gervinho e proprio al centrocampista olandese, vengono raggiunti sul 2-2 dagli azzurri di Benitez - con l'autogol di De Sanctis e la rete del subentrato Mertens - prima che Gervinho firmi la doppietta che vale il 3-2. La vittoria di misura tuttavia non garantisce ai giallorossi un posto in finale: una settimana dopo al San Paolo il Napoli si impone 3-0 e si qualifica per la finale che vincerà ai danni della Fiorentina.

Veretout

Prima di venire acquistato dalla Roma nell'estate del 2019, Jordan Veretout era stato corteggiato lungamente dal Napoli, che si è insistentemente rifatto vivo anche nella sessione di mercato dell'anno successivo.

Zaniolo

L'ultimo gol all'Olimpico in campionato di Nicolò Zaniolo è quello segnato contro il Napoli il 2 novembre 2019 (2-1).