Il centrocampista della Roma e della Nazionale Alberto De Rossi ha parlato in conferenza stampa dal ritiro azzurro di Coverciano in vista della doppia sfida Mondiale contro la Svezia. Queste le sue parole:

Sulla sfida con la Svezia

"Il risultato la fa da padrone. Ci vorrà sangue e sudore, ma anche e soprattutto testa, lucidità, tecnica, corsa... Se fosse solo una battaglia un po' tutti potrebbero giocare in Nazionale, invece non è così".

Sul ritorno in Nazionale

"L'europeo mi ha fatto bene, perché avevo 33 anni. Il fatto che ci sia un Mondiale per me è importante, perché sarebbe il quarto per me. Non so se farò un torneo da protagonista, ma sarebbe un timbro sulla mia carriera il fatto di non qualificarmi. Nessuno lo vuole perdere, per Buffon sarebbe il sesto, per alcuni il terzo… quando vai lì te la giochi, non partecipare sarebbe molto negativo".

Su Mazzola

"Oggi è il suo compleanno, non posso che fargli tantissimi auguri, così come a Gigi Riva per ieri. Ho pensato che ci fosse un momento in cui non avrei segnato più tanto, cioè quando sono stato arretrato. Da lì in poi non pensavo che potessi essere il centrocampista più prolifico del calcio italiano. Alla fine i miei gol possono essere su rigore o su calcio piazzato, ma la vecchiaia ti porta a essere più esperto. Qualche gol di testa è possibile farlo. E' stata un'evoluzione del ruolo che mi ha dato qualcosa di più sulle palle inattive".

Sullo spareggio

"Non ci sono mai stati spareggi da dentro e fuori, lo abbiamo fatto con Nazionale e Roma, passandoli con grandi performance. Qui è il primo o vero dentro-fuori, poi se giochi una semifinale, un quarto mondiale... almeno ci sei arrivato. Perdere con la Germania sarebbe un "sei stato bravo ugualmente", per noi questa sarebbe una macchia sul curriculum".

Sulle due partite in tre giorni

"Le facciamo noi come la Svezia, riconosciamo i tempi di recupero e molti di noi sono abituati a farlo. Non inciderà molto, anche loro giocano la Champions, l'Europa League, non sarà un fattore così importante".

Sulla riunione del Filadelfia

"Non credo si siano dette cose sconvolgenti, sono riunioni che succedono, vengono quasi naturale. Ho letto anche io dei senatori, ma molto spesso succede che a parlare siano quelli più anziani. Avviene nei momenti più neri, ma non credo dopo Albania o Macedonia. Questa Nazionale non ha stentato, ho ricordo di gironi qualificatori molto simili. La differenza è che non avevi la Spagna nel girone, quando se ne qualifica solo uno rischi di fare i playoff".

Sulla fiducia

"Bisognerà lasciare da parte i campanilismi, andare al Mondiale è di tutti. San SIro sarà esaurito, ci sarà una grande cornice, dovrà esserci appartenenza e sostegno. Chiedere fiducia sarebbe fuori tempo massimo, non è il momento giusto. Dobbiamo conquistare giocando questa partita. Siamo forti, forse migliori della Svezia, ma c'è quel pizzico di paura che oramai nel calcio di ora è quasi necessaria. Il calcio ora è molto più aperto, come confini, i grandi giocatori non si trovano solo nelle big europee o in Argentina-Brasile. Nello spogliatoio abbiamo molta fiducia".

Sull'esperienza

"Conterà, ma la ritengo una delle qualità che servirà per vincere questo scontro diretto. Come il furore, la rabbia... un mix di cose che ci serviranno. Il fatto che non tremino le gambe è una condizione necessaria per certi livelli. A 22 anni non mi tremarono le gambe quando giocai la finale di Coppa del Mondo e sono sicuro che i miei compagni avranno la stessa condizione. E poi è uno spareggio, non una finale mondiale".

Sullo spirito dello spareggio

"Per me conta assolutamente passare il turno, non in che maniera. Poi si passerà alle prestazioni e parlerà il campo. Grande uguale, loro avranno uno schieramento per metterci in difficoltà, è una partita di calcio e non lo dico per sminuire l'impegno. La partita verrà valutata nell'arco di 180 minuti, ma non credo che abbia una importanza maggiore".

Sulla Svezia sconosciuta

"Il fatto che non ci sia Ibrahimovic è un vantaggio per chi lo affronta. Anche a 40 anni, con una gamba rotta, non vorrei mai avere Ibra contro. Potrebbe essere un vantaggio, meglio che non ci sia. Però non è nemmeno così sconosciuta, li conosciamo perché alcuni giocano in Italia, altri in Europa in campionati importantissimi. Non è una squadra materasso. Se il Mondiale è importante per me, che ne ho già giocati tre, figuriamoci per loro che non ci sono mai stati".