La Roma torna in città: lunedì prossimo sarà operativa la nuova sede di viale Tolstoj, nel cuore dell'Eur. La società giallorossa ha deciso diversificare i suoi uffici. A Trigoria resterà la squadra con annessa la direzione sportiva e il media center, i rami che hanno bisogno di un contatto costante e diretto con i calciatori. Mentre gli uffici amministrativi, il comparto marketing e ticketing si trasferiranno nella nuova sede dove potranno beneficiare dei nuovi spazi . Una scelta, quella del club, dettata anche dalla necessità di ricolloccare i circa 200 dipendenti che ruotano intorno alla Roma. Un numero cresciuto nel corso degli anni con l'espansione che rendeva ormai inadeguata la struttura del "Fulvio Bernardini". A questo fattore di tipo logistico si è aggiunta anche la volontà del presidente James Pallotta di avere un luogo di rappresentanza più vicino al cuore pulsante della città. E da questo punto di vista il quartiere Eur è il perfetto anello di congiunzione tra il reticolato urbano del centro e i campi sportivi di Trigoria. Da qui la scelta di trasferirsi al palazzo di viale Tolstoj: uno stabile importante dislocato su tre livelli e collocato al centro della stradina che collega Viale Asia con via Listz, a poche centinaia di metri dall'obelisco di Piazza Marconi.

L'ingresso principale è un cantiere aperto, i lavori sono cominciati questa estate ma il progetto era nella mente dei dirigenti da molto prima. Da sempre infatti al presidente James Pallotta non è mai stato entusiasta della sede di Trigoria. Il "Fulvio Bernardini" è stato parzialmente rinnovato la scorsa estate ma allo stesso tempo c'è stata un'accelerata sul progetto Eur e per rispettare i tempi di consegna voluti dalla società decine di operai si alternano con doppi turni operando sul posto fino a tarda sera. Il colonnato che ricopre l'entrata è circondato da una rete dove capeggiano i cartelloni con la scritta "Work in progress" sul logo della Roma che annunciano l'imminente trasferimento del club. L'interno è reso ancora inaccessibile dai lavori e sono pochi, anche tra coloro che lavorano nella Roma, ad aver visto gli ambienti che accoglieranno i dipendenti. Ma dalle finestre che affacciano su strada è già possibile intravedere le scrivanie e altro mobilio ancora parzialmente imballato ma già posizionato, segno che l'inaugurazione è imminente. Sarà un'apertura in grande stile che riceverà la giusta copertura mediatica per presentare la nuova casa della Roma. L'ingresso della palazzina di via Tolstoj insiste su un ristorante di nome Geco, che suona tanto come Dzeko. E questa assonanza con l'attaccante giallorosso ha entusiasmato la proprietà del locale: «Con questo nome speriamo di portare bene al nostro bomber. Sono molto felice dell'arrivo della Roma e credo che l'Eur, rispetto a Trigoria, sia una zona molto più adatta per accogliere calciatori e personalità che entreranno in contatto con il club. Il quartiere si presta a questo, poi ho sentito che il presidente Pallotta si era lamentato di Trigoria per la logistica - dice Claudia - È bello poi che la squadra ritorni in città, speriamo di avere la possibilità di vedere tanti giocatori».

Le sedi storiche

Quella di viale Tolstoj sarà la decima sede della storia della Roma. La prima casa giallorossa fu quella di via Uffici del Vicario dove la società è stata fondata. Nel 1930 il trasferimento a Passeggiata di Ripetta, ma solo per qualche mese, prima di accasarsi a via Monterone a due passi dal Pantheon dove rimarrà fino al 1937. Con il passaggio di proprietà sotto la presidenza di Iginio Betti la sede si stabilisce al civico 125 di via del Tritone dove vi resta fino al 1952. Poi il passaggio a via del Quirinale fino al 1955 quando il presidente Sacerdoti decise di avvicinarsi allo Stadio Olimpico trasferendo la sede a viale Tiziano. Qui la Roma ci resterà fino al 1965 quando il presidente Evangelisti sposta la sede in via Lucrezio Caro, poco lontano da piazza Cavour. Nel 1970 l'ultimo trasferimento cittadino a via del Circo Massimo prima della rivoluzionaria decisione di lasciare la città e spostare gli uffici a Trigoria. Era il 1978. Ora, a 40 anni di distanza, la Roma torna a Roma.