Archiviata la sosta per gli impegni delle Nazionali, è finalmente tempo di campionato. Tra le nostre avversarie nel girone di Champions League, la prima squadra a scendere in campo sarà il Cska Mosca. Ai russi sono bastati tre giorni terribili prima della sosta per spazzare via quanto di buono fatto vedere nelle precedenti partite, compresa la sorprendente vittoria per 1-0 contro il Real Madrid. Il 7 ottobre, la sconfitta in casa contro la Lokomotiv Mosca ha ulteriormente allontanato Akinfeev e compagni dalla vetta della classifica, occupata dallo Zenit e distante ben nove punti. Una sconfitta pesante, arrivata a due minuti dalla fine dopo più di mezzora disputata in superiorità numerica e le cui scorie si sono trascinate fino al 10 ottobre, quando il Tyumen, quindicesima forza della Fnl, l'equivalente della nostra Serie B, ha vinto ai rigori in Coppa di Russia, eliminando dalla competizione i nostri prossimi avversari europei.

Un uno-due terribile, in grado di mandare al tappeto anche il migliore incassatore, al quale i rossoblù di Mosca sperano di reagire con una vittoria contro l'Anzhi. Dodicesima con appena dieci punti conquistati in dieci partite, l'ex squadra di Eto'o è tuttavia reduce da una striscia di tre partite utili consecutive in campionato (un pareggio e due vittorie, di cui una in casa contro lo schiacciasassi Zenit) e spera di non interrompere il trend positivo.
In programma domani alle 17, Anzhi-Cska Mosca arriva due giorni prima della partenza della squadra dell'esercito russo per l'Italia, dove martedì all'Olimpico è in programma la sfida contro la Roma (ore 21). Proprio in vista dell'impegno europeo, Goncharenko valuterà con attenzione le condizioni dei reduci dagli impegni con le nazionali e di Mario Fernandes in particolare. Sicuramente il tecnico contro i giallorossi dovrà fare a meno del portiere e capitano Igor Akinfeev, squalificato dopo il rosso rimediato con i Blancos.

Bivio Real

Dopo tre sconfitte, un pareggio e zero gol realizzati nelle ultime quattro partite, la sfida di sabato (ore 13) contro il Levante rappresenta per Lopetegui il primo dei tre appuntamenti da non fallire nel giro di una settimana. Finito sulla graticola per gli ultimi risultati, l'allenatore del Real Madrid ha ritrovato Isco a pieno regime in allenamento e anche Marcelo sembra ormai pienamente recuperato. Per quanto riguarda Bale e Benzema, lo staff medico potrebbe optare per una maggiore cautela, sperando nel pieno recupero dei due giocatori per la sfida di Champions contro il Viktoria Plzen e per la trasferta contro il Barcellona del 28 ottobre, indicata da molti come ultima prova d'appello per l'ex Ct della Spagna. Nettamente alla portata del Real, il Levante è reduce da due vittorie consecutive e lo scorso anno è riuscito a pareggiare entrambi gli scontri diretti contro le Merengues (2-2 e 1-1).

Complici gli infortuni e il tour de force in arrivo, la stampa spagnola sta caldeggiando già da giorni un coinvolgimento maggiore di Vinicius Junior, pagato 45 milioni di euro e sin qui utilizzato solamente 12 minuti da Lopetegui. L'ex Flamengo ha incantato tutti con la maglia del Castiglia e torna galvanizzato dalla sosta dopo le due apparizioni con la maglia del Brasile Under 20.

Avversario del Real martedì prossimo, il Viktoria Plzen ha saputo dimenticare in fretta lo 0-5 subìto contro di noi, battendo per 1-0 il Teplice in campionato e per 5-1 il Vyskov in Coppa. Decisamente un buon viatico per affrontare il Bohemians 1905. In programma domani alle 18, la partita offre alla squadra ceca l'opportunità di mettere pressione allo Slavia Praga in caso di vittoria. Attualmente prima a pari punti con il Plzen (27 punti), la squadra capitolina giocherà domenica alle 17 in casa del Liberec, che ha vinto gli ultimi due incontri di campionato senza subire gol.