Nella tarda serata di ieri, dodici società di calcio europee hanno annunciato la nascita della nuova SuperLega. Tra i club "fondatori", tre italiani (Juventus, Milan e Inter), tre spagnoli (Barcellona, Real Madrid e Atletico Madrid) e sei inglesi (Manchester United, Manchester City, Chelsea, Arsenal, Tottenham e Liverpool). Le reazioni dei tifosi sono state diverse, ma in modo particolare i sostenitori britannici sembrano essere compatti contro la presa di posizione delle loro squadre. Di seguito, i commenti delle tifoserie alla nascita della SuperLega. 

"Ieri l'attuale board del Tottenham ha tradito il club, la sua storia e la magia che rende questo sport così speciale - hanno dichiarato un gruppo autonomo di tifosi degli Spurs -, mettendo il loro nome in una dichiarazione che annunciava la formazione di una SuperLeague europea separatista. Abbiamo sempre provato a rimanere vicini alla società, ma quando è troppo è troppo. L'attuale consiglio è pronto a rischiare la reputazione del club e il suo futuro nella ricerca opportunistica dell'avidità. Uno dei club più famosi d'Inghilterra potrebbe trovarsi espulso dal campionato inglese. I suoi giocatori potrebbero essere banditi dalle competizioni internazionali. Eppure gli attuali proprietari, semplici custodi di un'istituzione di 139 anni, sono pronti a rischiare tutto per avarizia e auto-esaltazione".

Questo il commento degli Spirit of Shankly, gruppo storico di tifosi del Liverpool: "Imbarazzante. In qualità di rappresentanti dei tifosi siamo inorriditi e ci opponiamo completamente a questa decisione. Il Fenway Sports Group - società proprietaria del club - ha ignorato i tifosi nella sua implacabile e avida ricerca di denaro. Il calcio è nostro, non loro. La squadra di calcio è nostra, non loro".

Anche il pensiero dei sostenitori del Manchester United, prossimo avversario della Roma nelle semifinali di Europa League, è sulla stessa linea: "Questa SuperLeague va contro tutto ciò che il calcio e il Manchester United dovrebbero rappresentare. Esortiamo tutte le società coinvolte, compreso il Manchester United, a ritirare questa proposta".

"Rappresenta la morte di tutto ciò che dovrebbe riguardare il calcio - afferma con un comunicato l'AST gruppo di tifosi dell'Arsenal -, noi vogliamo vedere la nostra squadra giocare nelle competizioni basate sul merito sportivo e sull'equilibrio competitivo. Non ci sorprende che questa azione sia stata intrapresa senza consultazioni o dialoghi, continuando il silenzio e il disprezzo che Kroenke - proprietario dei Gunners - ha mostrato per i tifosi dell'Arsenal sin dal primo giorno. L'AST farà tutto il possibile per opporsi a questo. Richiederà un'azione decisa da parte del governo e delle autorità calcistiche. Esortiamo tutti i tifosi dell'Arsenal e tutti i tifosi di calcio a combattere la SuperLega parlando e agendo contro. Stando insieme possiamo allontanare questa proposta avida".

Questo il commento del club ufficiale dei tifosi del Manchester City: "Siamo totalmente contrari a tutto ciò. Questa nuova competizione proposta non ha alcun valore sportivo e sembrerebbe essere motivata soltanto dall'avidità. Inoltre, è stato creato senza la conoscenza o il contributo di alcun gruppo di tifosi e mostra ancora una volta che le persone coinvolte non hanno alcun rispetto per le tradizioni del gioco. Siamo determinati a lottare contro questa SuperLeague e lavoreremo ancora una volta con il Group 1894 e tutti gli altri gruppi di tifosi per fare tutto il possibile per garantire che le nostre voci siano ascoltate".

Infine, la posizione del Chelsea Supporters' Trust: "Oggi noi e i tifosi di tutto il mondo hanno subito il tradimento finale. Questa è una decisione avida, che mira a riempire le tasche di chi è al vertice ed è stata presa senza considerare i sostenitori fedeli, la nostra storia, il nostro futuro o il futuro del calcio in questo paese. Il CST ha tenuto ampi colloqui con il Chelsea nelle ultime settimane su varie questioni e non è mai stata menzionata questa proposta segreta. Il CST ei suoi membri chiedono risposte".