In un'intervista al portale britannico standard.co.uk, il difensore del Tottenham Danny Rose ha rivelato di essere contrariato nei confronti della FIFA per la multa di soli 22.000 dollari inferta alla Russia per i cori razzisti dell'amichevole di marzo contro la Francia. definendola "disgustosa" e "da ridere". Rose ha anche dichiarato: "Ho detto alla mia famiglia che non voglio che vengano in Russia a causa del razzismo e di tutto ciò che potrebbe succedere di altro. Non voglio dovermi preoccupare per l'incolumità della mia famiglia mentre sto preparando le partite".

Inoltre, Rose ha commentato la possibilità che i giocatori dell'Inghilterra mettano in atto una dura protesta in caso di episodi razzisti (come uscire tutti insieme dal campo): "Ne abbiamo discusso. Difficile dire però cosa si potrebbe realmente fare, almeno fino al momento in cui queste cose dovessero realmente accadere".