Novantatré giorni dopo l'ultima partita, la Liga riparte: in attesa di Premier League e Serie A, il campionato spagnolo è il secondo tra i principali cinque in Europa a riaprire i battenti dopo la pandemia di Covid-19. E la gara scelta per inaugurare la seconda parte di stagione non è una qualunque, bensì il derby tra Siviglia e Real Betis (fischio d'inizio alle 22). Una rivalità storica per una partita "caliente", che però sarà priva ovviamente del pubblico sugli spalti. Il Governo ha deciso di non fare figli e figliastri, imponendo a tutti le porte chiuse, almeno per ora. «Sarà strano giocare il derby senza tifosi», ha confessato il tecnico del Siviglia Julen Lopetegui a La Gazzetta dello Sport. Sarà anche l'occasione per vedere all'opera i nostri prossimi avversari negli ottavi di Europa League: i biancorossi sono terzi in classifica, a -9 dal Real Madrid e con un solo punto di vantaggio su Real Sociedad e Getafe. L' ex giallorossi Monchi e la squadra dovranno sudarsi la qualificazione in Champions League.

Audio e video virtuali

L'Estadio Ramon Sanchez-Pizjuan sarà silenzioso, ma tutti i tifosi spagnoli che si sintonizzeranno davanti alla tv potranno "beneficiare" dell'audio (realizzato in collaborazione con EA Sports) che simulerà i cori dei tifosi e i rumori classici di uno stadio. Il tutto adattandosi all'andamento della partita: grida e "olé" a un gol, proteste dopo un fallo e via dicendo. Virtuali anche le gradinate degli impianti, che offriranno le immagini di un pubblico in realtà assente, che vestiranno i colori della squadra di casa. Il progetto, realizzata dall'azienda norvegese VIZRT, sarà disponibile per Movistar e per tutti gli altri network internazionali (quindi anche il nostro DAZN). Ma c'è anche chi, come il Villarreal, ha deciso di far sentire l'amosfera "da stadio" anche ai calciatori, imitando quanto fatto dal Borussia Moenchengladbach: i sostenitori del Sottomarino Giallo, infatti, hanno tempo fino a giovedì per inviare al club una loro foto; questa verrà cartonata e posta sugli spalti, per colorare l'Estadio de la Ceramica per le ultime sei gare casalinghe.

Full immersion

Il derby di Siviglia dà il via a due settimane nelle quali si disputerà almeno una partita di Liga al giorno, senza soluzione di continuità. Da qui al 25 giugno, una vera e propria full immersion che sarà conclusa dallo stesso Betis, di scena in casa contro l'Espanyol tra due settimane. Quattro turni spalmati ognuno su tre o quattro giorni, con incontri alle 14, alle 17, alle 19.30 e alle 22. Il calcio post-Coronavirus è ancora più spezzatino: c'è da recuperare il tempo perduto.