Vincenzo Spadafora, ministro dello Sport, è intervenuto alla trasmissione di Rai 2 "Che tempo che fa" chiarendo meglio la posizione del Governo sulla ripresa dell'attività sportiva dopo il 4 maggio. Ecco le sue dichiarazioni: 

"Sono d'accordo con le misure di riapertura per le pratiche sportive. Per la ripresa per gli sport di squadra dovremo attendere. Dovremo arrivare al 18 maggio ma vedremo quali saranno le condizioni in cui ci si arriverà. La ripresa deve essere graduale e per questa ripresa servono protocolli rigidi. La FIGC  ha presentato un protocollo, ma il comitato tecnico scientifico ha valutato che ancora quel documento non fosse sufficiente. Dal calcio ci sono arrivate e arrivano molte pressioni. Io quel mondo lo rispetto, è una grande azienda che versa oltre 1,5 miliardi all'erario. Con il presidente federale Gravina ho un ottimo rapporto, ma nelle singole realtà delle leghe, specie da quella di serie A, non credo si sia inclini ad accettare lo stop del governo. Nessuno vuole darlo,ma dobbiamo arrivare con tutte le disposizioni e i controlli di sicurezza, in una situazione complicata. Nulla è scontato".