L'ex difensore del Milan, oggi dirigente del club rossonero, Paolo Maldini ha rilasciato un'intervista al Corriere della Sera. Tra i temi trattati c'è principalmente la sua positività al Coronavirus, come ha scoperto e affrontato la malattia, ma anche l'immediato futuro del calcio italiano e non. Questo un estratto delle sue dichiarazioni.

Maldini, come sta?
«Abbastanza bene. Il peggio è passato. Ho ancora un po' di tosse. Secca, come sente. Ho perso gusto e olfatto, speriamo tornino. È stata come un'influenza un po' più brutta. Ma non è una normale influenza».

In cosa è diversa?
«Guardi, io conosco il mio corpo. Un atleta conosce se stesso. I dolori sono particolarmente forti. E poi senti come una stretta al petto… È un virus nuovo. Il fisico combatte contro un nemico che non conosce».

Quali sintomi?
«Dolori alle articolazioni e ai muscoli. Febbre: mai più di 38 e mezzo. Il giorno dopo, venerdì, sarei dovuto andare a Milanello, e sono rimasto a casa. Ho saltato anche Milan-Genoa».

Il calcio doveva fermarsi prima
«Sì. Già giocare a porte chiuse è una violenza, per i tifosi e per i calciatori. Giocare a porte aperte Liverpool-Atletico, con 4mila tifosi madrileni sugli spalti, quando già si sapeva che Madrid era un focolaio, è stata una follia. Quando si è giocata Atalanta-Valencia l'allarme non era ancora scattato, ma ora sappiamo che quella serata è una delle cause del focolaio di Bergamo».

Quando ripartirà il calcio?
«Un finale di campionato ci deve essere, e ci sarà. Ma quando non possiamo dirlo ora. Capisco che per la gente sarebbe uno svago prezioso. Ma nel calcio è impossibile non soltanto giocare, ma pure allenarsi senza contatto. E poi è giusto mettere tutte le squadre sullo stesso piano. Alcune, come la Sampdoria, sono più colpite. Sono positivi alcuni tra i giocatori più rappresentativi della Juve».