Il calcio italiano all'avanguardia: è nata la Divisione Paralimpica della FIGC. La federazione ha presentato il protocollo d'intesa insieme al CIP, il Comitato Italiano Paralimpico, ed è così diventata la prima al mondo a dotarsi di una divisione per il calcio paralimpico e sperimentale. Come risulta dal comunicato ufficiale della FIGC, "con questo documento si è attivato l'iter per individuare le discipline paralimpiche da trasferire in seno alla Federcalcio, e grazie alla nuova Divisione la federazione potrà essere autorizzata ad organizzare attività calcistiche sperimentali praticate da persone con disabilità fisiche, psichiche e sensoriali, in aggiunta a quelle già regolamentate dagli organismi internazionali".

Una svolta epocale per il mondo dello sport, che è stata accolta con calore dal presidente della FIGC Gravina: "Siamo la prima federazione a livello mondiale che avrà una Divisione di questo tipo il presidente Pancalli mi ha fatto un bellissimo regalo. Si tratta di una delle più belle dimensioni a livello sportivo, che mette in luce l'elogio dei sentimenti, la voglia di competere degli atleti e l'esaltazione dei grandi sacrifici delle famiglie di questi atleti. Il mondo del calcio ha il dovere di valorizzare tutto questo".

Anche l'ex calciatore della Roma Simone Perrotta si è espresso sull'iniziativa, congratulandosi con la federazione: "Il mondo della disabilità entra a far parte delle attività FIGC! Un'intesa importante con il Comitato Italiano Paraolimpico che mi riempie di gioia. Il calcio è ora uno sport davvero completo".