Christophe Dugarry, ex attaccante francese, che ha militato anche nel Milan è intervenuto ai microfoni di RMC Sport sulle voci di mercato che parlano dell'arrivo di  Matthijs de Ligt alla Juventus. L'ex giocatore, che ha vinto un Mondiale nel 1998 e un Europeo nel 2000, ha espresso il suo commento sulla scelte dell'olandese di andare a Torino solo per un fattore economico e non andare al Barcellona per un fattore sportivo. Di seguito le sue parole.

 "Qual è l'idea? Cosa sta succedendo nella tua testa? 12, 13, 14 o 15 milioni di euro? Arrivati a quel punto, cosa cambia? Avrai una macchina in più, 50 metri quadrati in più nell'appartamento, 10 metri in più per la tua barca? Se la sua è una scelta puramente economica, allora mi fermo, perché mi fa venire da vomitare. De Ligt, è eccellente, è molto bravo, ma con una mentalità del genere, non durerà, non è possibile".

Ha poi parlato della scelta del PSG di abbandonare la pista del difensore: "Mi congratulo con il presidente, mi congratulo con Leonardo, mi congratulo con coloro che prendono il decisioni. Sono stanco di questo nuovo gioco del calcio. Fermiamoci con questo circo in cui si deve cercare a tutti i costi di convincere i giocatori. A de Ligt dico, tu ti impegni in un progetto, quello del Psg. E prima ancora di iniziare in questo progetto, tu vedi già due porte d'uscita. Dove sta la scelta sportiva? Ha il Barcellona, il Psg, la Juventus. La scelta sportiva è chiaramente il Barcellona. Per me la sua invece è solo una scelta economica. È meglio avere un giocatore medio che abbia voglia rispetto a un giocatore pieno di talento ma poco serio".