Decine di truffe, sfruttando il nome di Andrea Pirlo. Alessandro Palazzolo sceglieva il negozio d'abbigliamento da colpire e telefonava presentandosi con il nome del centrocampista, per poi inviare la propria fidanzata (e complice) a ritirare i capi acquistati a prezzi scontati. Questa la vicenda riportata da La Stampa. L'ex orafo, arrestato e denunciato per sostituzione di persona e truffa, è stato rintracciato grazie ai tabulati telefonici sui quali risultavano le chiamate ai negozianti. Rischia anche la fidanzata che ha collaborato attivamente alle truffe di Palazzosolo, mentre Andrea Pirlo ha querelato l'ex orafo con l'assistenza del suo legale Gian Filippo Schiaffino.