"Il mio futuro non sarà in Premier League", parola di Jose Mourinho. L'allenatore è stato intervistato da Dazn all'interno del programma "Linea Diletta", un ciclo di interviste realizzato dalla giornalista Diletta Leotta. Il tecnico ha parlato del suo futuro: "I trofei sono la mia garanzia di successo, anche contro quelli che fanno di tutto per dimenticarlo, ma non è possibile dimenticarlo: l'ultimo mio trofeo è l'Europa League, un anno e mezzo fa, molti pensano siano passati vent'anni ma ne è passato solo uno e mezzo. Certo, è passato: ora mi sto preparando per il futuro! Vivo a Londra ed è la mia base di partenza: la prossima tappa non sarà in Premier League".

Mourinho ha fatto poi un salto nel passato: "Credo che per me l'Italia è stato un habitat naturale, quando sono in Inghilterra invece sono un po' diverso rispetto a quello che sono io come natura. In Italia si vive il calcio 24 ore su 24, ogni persona sa di calcio più dell'allenatore, è un qualcosa di molto latino"

Il portoghese, pur senza svelare indizi sulla sua prossima squadra, non nasconde la sua ambizione: "Perché dovrebbero scegliere me? Prima di farmi questa domanda, devi capire che tu puoi parlare con me solo se tu vuoi vincere, prima la domanda te la faccio io. Se vuoi vincere e hai condizioni per vincere, allora cominciamo a parlare". Ma per il futuro non c'è fretta: "Aspettiamo, non sono sotto pressione. Nella prossima tappa sarò preparato al meglio".