Il presidente dell'Associazione Italiana Arbitri Marcello Nicchi ha parlato del futuro del Var a Rai Radio Uno: "Stiamo lavorando per creare un centro Var a Coverciano perché innanzitutto si risparmiano risorse, ma anche perché gli arbitri che fanno il Var saranno a loro agio a casa loro, a Coverciano", le parole di Nicchi. "Inoltre vogliamo mettere gli operatori e gli arbitri in condizione di avere sempre meno pressione e fare il lavoro con tranquillità. Bisogna continuare a inculcare nella testa degli sportivi il fatto che la tecnologia è un supporto, non l'arbitro", continua il presidente dell'AIA. "Bisogna stare attenti, nel nostro paese sono nati i moviolisti della Var, che spesso fanno danni. Quando sento dire ‘manca un rigore, un giallo': il campo è un'altra cosa". Un passaggio sull'ultima giornata: "Sono contento perché è stata una buona giornata sotto ogni punto di vista, dagli arbitraggi al gioco".