Mancano ormai poche ore alla discussa finalissima di ritorno di Copa Libertadores tra River Plate e Boca Juniors. Dopo la violenta aggressione al bus dei gialloblu all'ingresso del Monumentale, dove alcuni calciatori rimasero feriti, la federcalcio sudamericana ha deciso di spostare il match a Madrid, allo stadio Santiago Bernabeu. Le migliaia di chilometri di distanza non hanno certo scoraggiato migliaia di tifosi che sono arrivati nella capitale spagnola, aggiungendosi alla folta comunità argentina già presente nella regione.

Le due tifoserie hanno letteralmente invaso la capitale spagnola e già da ieri si sono riversati per le strade cantando e ballando, sempre sotto il controllo di un'attenta macchina della sicurezza allestita per evitare possibili violenze. Oltre a quelli presenti allo stadio, migliaia di tifosi sono arrivati anche solo per respirare l'aria della finale e per questo in città sono state previste due fan area dove vedere la partita sui maxischermi. L'andata è terminata 2-2 ma non essendo la regola dei gol in trasferta, questo risultato non avrà alcun peso sul match di questa sera. River e Boca si giocheranno tutto in una notte: calcio d'inizio fissato per le 20.30.