Nicolas Burdisso ha scritto una commovente lettera d'amore alla Bombonera in occasione del Superclasico tra River e Boca che si giocherà alle 21 di domani, valido per la semifinale di ritorno della Copa Libertadores. Una partita inedita, probabilmente il Superclasico più importante e atteso di sempre, che decreterà una vittoria che verrà ricordata per sempre. Nonostante la partita di ritorno si giocherà al Monumental, l'ex giallorosso ha voluto raccontare il suo amore per il Boca in una lettera alla Bombonera uscita in spagnolo per The Players Tribune, di cui riportiamo un estratto con un aneddoto su Daniele De Rossi

Ti sto per raccontare una storia d'amore. Ma non è la tipica storia d'amore. Si tratta di uno stadio. E sai una cosa, è lo stadio più speciale al mondo: La Bombonera. Ascolterai molte persone che dicono lo stesso, e credimi, secondo me, hanno ragione. La corte di Boca è semplicemente ... diversa. Come molti di voi, ero uno di quei turisti che sono andati a Buenos Aires per visitare La Bombonera, lo sapevate? Avevo 13 anni. Ricordo ancora la prima volta che l'ho vista. Era la vecchia Bombonera, prima dei lavori, ed era completamente vuota, ma ho subito sentito il mito del Boca lì dentro. 

Era la mia prima volta nella capitale dell'Argentina. Vengo da una piccola città nella provincia di Córdoba, Altos de Chipión. È la città perfetta per essere un bambino. Ci sono 1.500 persone, tutti sapevano tutto, e la vita della città stessa si svolge in 10 palazzi. Tutto iniziava e finiva lì. 

All'interno del paese, le famiglie tendono ad essere fan di grandi club, a parte le squadre della zona. La mia famiglia è sempre stata del Boca. Per me, il Boca era più di un semplice club. Era il club di cui ero tifoso. Giocavo a calcio tutto il tempo, ma vedermi con la maglia del Boca era qualcosa di irraggiungibile, un sogno che non potevo permettermi di avere. [...]

Mio padre, Enio, era un calciatore. Un difensore centrale di quelli antichi, un duro. Ha giocato un anno nell'Instituto e ha attraversato diversi club come giocatore e più tardi come allenatore. L'ho seguito dappertutto, mi portava in panchina, negli spogliatoi. Ho adorato il calcio. Ogni piccola cosa del calcio. Giocavo pure, e stavo andando piuttosto bene, nei tornei della zona. [...]

E improvvisamente mi sono ritrovato a giocare per il Boca e a vivere a Boca, vicino alla Bombonera. Sulla parete accanto al mio letto, c'erano delle foto della mia famiglia con un messaggio che avevo scritto: "Giocare a calcio è un dono di Dio. Essere lontano dai miei genitori è parte del gioco". Mi mancavano ogni giorno, ma quella era la vita di qualcuno che voleva diventare un calciatore. [...]

Ecco perché La Bombonera fa paura. Ti intimidisce E credimi, alcuni rivali non lo dicono pubblicamente, ma te lo dicono in confidenza. Perché non è solo che stai giocando proprio lì, stai anche giocando con l'immagine mentale che hai coltivato per tanti anni. Lo stadio è sopra di te. Non è intorno. È come essere in una grande scatola di cioccolatini, da cui il nome. In Europa, ho incontrato molti colleghi che erano molto curiosi di Boca e La Bombonera. Il primo giorno all'Inter, Edgar Davids mi ha contattato per dirmi che gli sarebbe piaciuto giocare al Boca. Daniele De Rossi è un altro grande fan del Boca, e il suo sogno, mi dice sempre, è giocare una partita lì. [...]

Uno dei momenti più speciali è quando si passa dallo spogliatoio al campo. Dentro il tunnel, arriva un momento in cui incontri gli scalini. Ma non è una normale scala. È una piccola scala molto ripida. Devi salirli uno per uno, non c'è abbastanza spazio per andare in due. L'unica cosa che vedi, quando ti stai preparando a salire, è un piccolo angolo di cielo e una persona che sta sventolando una bandiera per dire ai fan che la squadra sta per entrare. [...]

Ad ogni modo, come tifoso, l'altro giorno mi sono ritrovato a guardare l'andata della finale di Libertadores con dei nervi che non sentivo da anni.  [...] Ma ti ricordi che ti ho detto che questa era una storia d'amore? Bene, è tutto vero. Non molte persone lo sanno, ma la Bombonera è anche il luogo in cui ho incontrato María Belén, mia moglie. Proprio lì, in un corridoio, l'ho vista per la prima volta. [...] In quel posto speciale con cui sognavo di giocare una volta, tutti i punti della mia carriera professionale e della mia vita personale sono collegati. Il ragazzo con la maglia della Supercopa. Il ragazzo che è stato colpito dalla sua prima visita. L'adolescente che ha lasciato tutto per realizzare un sogno e che ha vissuto anche lì. La carriera professionale, i titoli, i compagni di spogliatoio, i discorsi di squadra. I Superclasicos di Copa LIbertadores. E anche, mia moglie, i miei figli - Angelina, Facundo, Emilia -, la bella famiglia che ho. Per me, è tutto lì, in quel luogo misterioso e magico.

Le scale di quel tunnel non solo simboleggiano la mia carriera, ma anche la mia vita. Sto salendo quei gradini ogni giorno. E lo adoro.