Ieri a Trigoria, in mattinata, i giallorossi si sono sottoposti al test Mapei, terza volta in stagione, il primo durante il ritiro precampionato, il secondo il trenta ottobre scorso. Il test serve per avere dei dati su forza, resistenza e velocità, con specifici esercizi per la forza esplosiva (salti su una pedana), velocità costante e corsa a intermittenza. Ovviamente c'è il più stretto riserbo sui risultati che staff tecnico e sanitario della Roma hanno comparato con quelli precedenti. A queste particolari prove si è sottoposto anche Daniele De Rossi, assente dai campi di gioco dal ventotto ottobre scorso per un problema alla cartilagine del ginocchio. Da quel giorno il Capitano sta lavorando con l'obiettivo di tornare a disposizione della squadra. Si è scelta la terapia conservativa per evitare un intervento chirurgico che lo avrebbe tenuto lontano dal campo per svariati mesi. Sulle sue condizioni continua a esserci un totale silenzio, inframmezzato da chiacchiere che un giorno dicono una cosa, quello dopo l'esatto contrario.