Alberto De Rossi, tecnico della Primavera, ha parlato al termine della sfida di Youth League persa per 3-1 dai giallorossi in casa del Real Madrid. Ecco le sue dichiarazioni a Roma Tv:

È arrivata una sconfitta ma la Roma ha giocato senza paura...
Ci mancherebbe aver timore del Real Madrid, siamo la Roma e siamo consolidati a livello internazionale. Ogni anno che facciamo la Youth la facciamo da protagonisti, l'anno scorso non ci siamo qualificati alla seconda fase per differenza reti negli scontri diretti perciò siamo una realtà. Se avessimo timore sarebbe una sconfitta ancora prima di giocare, noi non abbiamo timore di nessuno. E' un'idea che abbiamo creato negli altri, sono tanti anni che partecipiamo. Mi è piaciuto il fatto che la squadra ha affrontato a viso aperto il Real, una squadra che conoscevamo bene negli effettivi. CI teniamo la mentalità e la voglia di recuperare fino alla fine ma le cose negative sono soprattutto gli errori di palleggio in uscita, hanno creato scompiglio tecnicamente e mentalmente.

Nel primo tempo siete riusciti a concedere poco...
Sì, hanno fatto 4 tiri in porta: due gol e due belle parate di Greco. Noi non siamo arrivati in porta, dobbiamo lavorarci sopra soprattutto perché il pressing ci permette di recuperare palla alti e dobbiamo concludere. Dobbiamo lavorarci tanto, valutiamo da parecchio questa situazione.

Bisogna ripartire in fretta, già dalla gara di Milano?
I 35 minuti con il Sassuolo sono da stropicciarsi gli occhi, la squadra è quella e a tratti l'abbiamo riconosciuta anche oggi. Non è certo quella del secondo tempo col Sassuolo, che non era in gara. Ancora non siamo riusciti a capire, io analizzo a fondo per più giorni le sconfitte, sono 3 punti che abbiamo buttato. La squadra è sempre stata propositiva, ci hanno danneggiato errori individuali grossi ma bisogna reagire. La squadra ha aspettative ed è forte, non bisogna farsi schiacciare da questo. Bisogna cominciare a vincere ed essere noi stessi a Milano.