Vicente Besuijen, attaccante olandese della Primavera di Alberto De Rossi, ha rilasciato una lunga intervista al portale voetbalzone.nl. Ecco le sue dichiarazioni:

Il suo rapporto con Kluivert.
Justin appena arrivato ha avuto dei problemi, quindi gli ho detto: ti aiuterò. Sono andato con lui nella stessa scuola nei Paesi Bassi, quindi conoscevo già un po' lui e la sua famiglia. A Roma ci stiamo avvicinando ancora di più. Dorme a Trigoria i giorni delle partite, quindi sono spesso in stanza con lui prima o dopo l'allenamento e a volte facciamo colazione insieme. Penso sia stato bello con lui poter stare insieme all'inizio quando era solo". 

Sei stato scartato dall'Ajax. L'arrivo alla Roma è stata una rivincita?
"Mi fa piacere che tu lo dica. Dal momento in cui sono stato mandato via dall'Ajax, ho iniziato ad allenarmi di più e a stare attento alla mia dieta. Questo mi ha reso forte mentalmente. Poi mi sono detto: ok, questo è il mondo del calcio. Ora farò di tutto per dimostrare all'Ajax chi sono. Dopo alcuni anni sapevo già che ci sono club migliori dell'Ajax e che sarebbero arrivati. All'inizio volevo combattere per tornare, ma alla fine mi sono sentito bene"

A 16 anni l'esordio nella Nazionale olandese Under 19 e gli allenamenti con la prima squadra.
"Se raggiungi questi obiettivi da così giovane, sai che puoi fare qualcosa in più. Non mi aspettavo che arrivasse la Roma. Con questo passaggio mi sono sentito benedetto. So cosa posso fare: sicuramente non voglio sembrare arrogante, ma se sai giocare bene, devi sognare in grande".

Cosa ti ha fatto sentire bene alla Roma? 
"Può sembrare strano che non ci abbia pensato a lungo. La sensazione è stata buona sin dal primo momento, ho notato che avrei potuto sfondare qui. Ho visto le strutture, il cibo, la piscina. Un club così grande e bello. Non so se questo fosse un sogno diventato realtà. Ho anche giocato all'Ajax da giovane, che era già un sogno. Adoro giocare a calcio e se riesci a farlo in un club così grande, non è il massimo? Sono anche uno a cui piace un percorso diverso: se tutti vanno a destra, voglio andare a sinistra. Si può pensare: è meglio da ragazzo rimanere nei Paesi Bassi. Ma ci sono anche molti esempi di ragazzi che hanno sfondato all'estero. Sta a te decidere"

Difficile arrivare da solo in un altro Paese?
"A Volendam a volte ho avuto problemi con il mio comportamento, ma ora mi rendo conto di come sono cambiato da quando sono venuto qui da solo…Sono un adulto, diventi più forte mentalmente e capisci: questo è quello che voglio. Vai fino in fondo per il calcio e non ti occupi di altre questioni, perché non hai tempo per farlo. La tua attenzione è diversa, questo è molto importante nel calcio. È nelle piccole cose: quanto tempo ti siedi al telefono o quanto sei infastidito quando l'allenatore ti dice qualcosa".

Problemi con la lingua?
"Se non parli italiano o non vuoi impararlo, ti consiglio di stare lontano da questo Paese. Molte persone non parlano inglese. Quindi sì, devi comunicare, il calcio è comunicazione. Sono aperto ad imparare, perché non voglio solo crescere come calciatore, ma anche come persona. Quanto è bello se porti una nuova lingua con te? Lo porti con te nello zaino, aumenta anche le tue possibilità di sfondare. Ricordo la prima volta che entrai nello spogliatoio, dissi subito: ciao, sono Vincent. Mia madre mi ha detto di prepararmi in modo da avere un vantaggio se fossi venuto in Italia. Ne sono felici, adesso le cose stanno diventando più facili. Ad esempio puoi uscire a cena con i compagni. Il mio italiano ora ha 7 anni, lo parlo come l'inglese"

L'approccio con la prima squadra.
"Ora è cambiato, ci alleniamo contemporaneamente a loro. A volte se un giocatore si fa male in prima squadra, un allenatore viene a prendermi. È vicina"

Com'è stato essere sul campo per la prima volta con la prima squadra? 
"Era strano, sì. È davvero un grande passo dalla Primavera. Ma è anche molto bello, devi divertirti. Mentirei se dicessi che le prime sessioni di allenamento siano state facili. Fare dei passaggi o dei duelli è più difficile, è un gradino più alto, più veloce e più intelligente. Tutte piccole cose che sono molto grandi nel calcio. All'epoca, Rick Karsdorp e Radja Nainggolan erano ancora nella prima squadra, poi si è unito Justin. Con loro ho potuto parlare durante l'allenamento"

Chi ti ha aiutato di più ? 
"Nainggolan mi ha davvero aiutato tanto. Sono andato a casa sua per un barbecue. Ha anche fatto venire un parrucchiere dall'Inghilterra per farmi un taglio di capelli. Mi ha fatto davvero sentire a casa qui. A volte mi manda ancora un messaggio con: "Ehi, stai bene lì? Tutto è di tuo gradimento? Posso ancora aiutarti con qualcosa?". Tutti dicono di Nainggolan che è un cattivo ragazzo, io non lo vedo affatto. Non si dovrebbe mai dipingere un ragazzo senza conoscerlo, perché ha davvero un buon cuore. Gli sono davvero grato. Anche ragazzi come Edin Dzeko sono sempre pronti per te"

Il tuo contratto con la Roma dura un altro anno. Sarà questo l'anno del debutto in prima squadra?
"Dico di sì, voglio debuttare. Ora ho le persone giuste intorno a me, sono concentrato, le statistiche sono buone. Lasciatemi dire così: prima mi concentro sulla mia squadra e poi guardo cosa accadrà. Il contratto? Devo concentrarmi sul calcio e lascio il resto alle persone che fanno queste cose per me. Non me ne voglio preoccupare. Sono sicuramente soddisfatto dei due anni trascorsi qui. Spero di poterti parlare tra due anni e di essere ancora più soddisfatto".