In controllo, dall'inizio alla fine. La Roma Femminile vince e convince nell'andata dei quarti di finale di Coppa Italia contro la Florentia San Gimignano. Al Santa Lucia finisce 4-0 per le giallorosse che ipotecano un posto al prossimo turno, a meno di clamorose rimonte neroverdi e amnesie romaniste. Il cammino della squadra di Betty Bavagnoli nella competizione procede, netto e spedito. Oltre al gironcino dominato contro le squadre di Serie B Roma CF e Tavagnacco, si aggiunge un poker a un avversario di ben altra caratura. In tre partite, si contano 16 gol fatti e zero subiti. Roba forte.

Dominio romanista

Forte come l'approccio alla gara di Bartoli e compagne, immediatamente offensiva e aggressiva in fase di non possesso e quasi subito in vantaggio. Bastano 5' a Paloma Lazaro per liberarsi in area di rigore, ricevere da Serturini e fare il suo primo gol in carriera nella competizione. È una di quelle occasioni che non era raro veder fallite negli ultimi mesi dello scorso anno solare. La partita va subito in discesa per la Roma che di volta in volta sta dando fluidità e sicurezza nelle due fasi al 4-2-3-1 applicato dall'inizio del 2021. Le giallorosse spingono con costanza e alla mezz'ora trovano il raddoppio: Andressa batte un angolo e svetta ancora Lazaro. La spagnola, che contro il Sassuolo in campionato si era messa a totale disposizione del gioco della squadra, stavolta è anche protagonista davanti e raggiunge quota otto reti stagionali. Ha anche sfiorato la tripletta l'ex Fiorentina, ma si è vista respingere la conclusione a botta sicura dal portiere Friedli. A quel punto Serturini si è sentita in dovere di pareggiare il conto dei gol con la spagnola. Non c'è da sorprendersi se il terzino destro della Florentia Bursi avrà degli incubi con protagonista la numero 15 giallorossa nei prossimi giorni. Perché da quella parte la romanista ha servito l'assist per la prima rete e poi ha portato avanti una cavalcata solitaria fino a mettere in porta il pallone del 3-0 allo scadere dei primi 45' (pareggiando a 8 il conto di gol complessivi con la collega Lazaro).

Serturini, che con il 4-2-3-1 deve partire più arretrata rispetto alle sue abitudini è stata la calciatrice più decisiva della gara, quindi si sta adattando bene alla nuova disposizione. È suo anche l'assist per il quarto gol giallorosso, in apertura di ripresa, finalizzato dall'ormai solita Andressa. La brasiliana è alla sesta rete nelle ultime quattro partite, nonché la miglior marcatrice "all time" della Roma in Coppa Italia. Nella ripresa c'è stato anche modo di dare un po' di respiro a Giugliano inserendo l'interessante Severini e, nell'ultimo quarto d'ora, di vedere Bonfantini in campo, vogliosa di tornare in forma e incisiva. La 22, vista la crescita del gruppo in generale, se dovesse ritrovare la determinazione e la cattiveria delle stagioni passate potrebbe rivelarsi un'arma in più. La Roma ha già un piede nella semifinale di Coppa Italia e lo ha grazie all'ennesima prova convincente di questa seconda parte della stagione. Convince soprattutto il fatto che cambiando il livello dell'avversario, il risultato non cambia. Il ritorno sarà il 14 febbraio ma la grande squadra pensa di partita in partita: ottima prova ieri, ora testa al Bari in campionato.