Alla grande. La Roma Femminile batte l'Inter 4-1 a Varese con carattere, qualità e un secondo tempo esemplare. La trasferta della nona di Serie A Timvision portava con sé la possibilità di ritrovarsi al terzo posto, sopra al Milan che ha giocato una partita in meno dopo il rinvio della sfida alla Pink Bari. Le giallorosse l'hanno colta, dando continuità alla vittoria ottenuta al Tre Fontane contro il Tavagnacco, migliorando nella prestazione del gruppo e dei singoli.

Fuori Bartoli nel riscaldamento prepartita per un affaticamento al polpaccio sinistro (da valutare nei prossimi giorni), in campo va Soffia e la fascia di capitano va sul braccio di Claudia Ciccotti, titolare a sorpresa. «Vestirla, da romana e romanista, è un'emozione incredibile», ha detto a Roma Tv dopo una prova che non l'ha vista brillare nel primo tempo, mentre è sensibilmente cresciuta nella ripresa.

Come lei tutta la Roma. L'unica che nei primi 45' cerca di incidere con ritmo più alto delle altre è l'ex della partita Bonfantini. Un suo guizzo vale il rigore trasformato da Andressa (il secondo consecutivo) per il vantaggio giallorosso. L'Inter di Sorbi è reattiva e determinata, un colpo di tacco di Tarenzi vale il pareggio e quando a poco dal duplice fischio si fa male Di Criscio (riportando una lesione al crociato anteriore destro che le costerà un'intervento chirurgico), vede gli spettri delle due sconfitte contro Florentia e Juventus. Stavolta però, la Roma rientra dagli spogliatoi con una mentalità diversa, alla grande. «La reazione che hanno avuto le ragazze nel secondo tempo - ha detto coach Bavagnoli a Roma Tv - ci rappresenta. Lavoriamo per essere sempre propositive e offensive: segnare 4 gol è il coronamento giusto».

L'esultanza di Andressa dopo il suo primo gol su azione con la maglia della Roma @LaPresse

Da un filtrante di Ciccotti nasce l'azione che porta Serturini a calciare e Thomas a spingere in porta il pallone del 2-1 giallorosso. Poi c'è il carattere di reagire e la qualità di restare al comando. La Roma continua a costruire e quando su una fascia c'è la coppia Bonfantini-Andressa lo fa sembrare quasi semplice. Scarico da sinistra dell'ex Inter per la numero 7 che, di prima, dal limite dell'area disegna il sinistro sul secondo palo. Primo gol su azione, il terzo in due partite, 3-1 e gara in discesa. Il 4-1 lo firma Thestrup nel recupero, disputando la miglior prova da quando è a Roma e dando un altro chiaro segnale del gruppo romanista che si sta ritrovando.

Chi entra gioca bene e nonostante le assenze arrivano tre punti importanti e convincenti, buoni per la zona Champions e per la consapevolezza. Non c'è ancora Giugliano, ma le frecce nell'arco della Roma sono tante e quando lavorano insieme vanno alla grande. Ora, dal terzo posto in campionato, le giallorosse guardano al match di mercoledì contro la Pink Bari in Coppa Italia.