Da Santon a Tanganga, passando per Loftus-Cheek: tanti i giovani lanciati nel tempo da José Mourinho. Chissà se, nel momento dell'annuncio del portoghese come nuovo allenatore della Roma, nel cuore di alcuni giallorossi non sia nata la speranza di essere il prossimo talento scovato dallo Special One. La sensazione, da ciò che filtra da Trigoria e dintorni, è che Mourinho attenda questo momento tanto quanto loro. L'ex Tottenham, infatti, ha studiato la rosa a disposizione, soffermandosi anche sui più giovani e chiedendo alla società di non intavolare per il momento trattative in uscita per alcuni di loro: Fuzato, Darboe, Bove e Zalewski.

Questi i quattro prescelti da Mou. Tutti loro, chi più chi meno, hanno avuto modo di raccogliere presenze e minuti nel finale di stagione già con Fonseca, attirando su di sé le attenzioni di società che potrebbero avanzare proposte di prestito. Una prospettiva possibile, se non probabile, ma non prima di luglio inoltrato. Mourinho vuole lavorare a stretto contatto con loro, valutarli e poi agire di conseguenza, trattenendoli o invitandoli all'uscita.

Il futuro di uno di loro però è vincolato anche ad altre variabili di mercato, laddove la volontà di Mou può poco. Si tratta di Daniel Fuzato. Il portiere brasiliano è ben visto dallo staff del tecnico di Setubal che lo terrebbe volentieri al Fulvio Bernardini come secondo di un titolare da comprare. Il classe 1997 e il suo entourage sono propensi ad accettare questa proposta, convinti di poter proseguire così nel percorso di crescita ma, per fare in modo che tutto ciò diventi realtà, Pinto dovrà riuscire a vendere sia Olsen che Pau Lopez. Compito arduo.