Granit Xhaka è un obiettivo per il centrocampo della Roma. Il mediano svizzero, 29 anni il prossimo settembre, milita dal 2016 tra le fila dell'Arsenal, con la quale ha giocato oltre 200 partite ufficiali.

La scheda di Xhaka

Nome: Granit Xhaka
Età: 28
Data di nascita: 27/09/1992
Luogo di nascita: Basilea
Nazionalità: svizzera
Altezza: 1,86 m
Peso: 82 kg
Piede: sinistro
Ruolo: centrocampista
Palmarès: 2 campionati svizzeri (2010-11 e 2011-12), 1 Coppa di Svizzera (2011-12), 2 FA Cup (2017-18 e 2019-20), 2 Community Shield (2018 e 2021)
Precedenti squadre: Basilea, Borussia Mönchengladbach, Arsenal
Presenze ufficiali 2020-21: 45 (31 Premier League. 10 Europa League, 2 FA Cup, 1 EFL Cup, 1 Community Shield)
Gol 2020-21: 1 (in Premier League)
Gol in carriera: 25
Assist 2020-21: 2 (in Premier League)
Assist in carriera: 35
Presenze in nazionale: 94
Gol in nazionale: 12

Descrizione tattica

Mancino naturale, Xhaka si disimpegna da centrocampista centrale di contenimento in un centrocampo a due, da vertice basso di impostazione in un centrocampo a tre oppure da mezzala, ruolo che gli consente di spingersi in avanti per cercare la via della rete con tiri dalla distanza. Talvolta è stato impiegato anche in difesa. Lo svizzero è dotato di un'ottima fisicità, di un temperamento piuttosto forte, che spesso lo ha portato a rimediare diversi cartellini (nella stagione 2020-21, quella appena conclusa, ha rimediato 7 cartellini gialli e un'espulsione) e di una leadership e un carisma che hanno caratterizzato la sua carriera (a 22 anni, appena arrivato nel Mönchengladbach, gli venne assegnata la fascia dal tecnico Schubert, che aveva sostituito Favre dopo un inizio disastroso).

Xhaka è molto abile a rompere le trame di gioco avversarie: in questa stagione in Premier League lo svizzero ha vinto 1,8 contrasti ogni 90 minuti su 2,8 tentati (il 64%) e ha intercettato 0,9 passaggi. La sua altezza gli permette anche di vincere il 52% dei duelli aerei (1,4 su 2,7 tentati). Da un punto di vista prettamente difensivo, inoltre, sono 1,3 le spazzate, 0,1 i cross respinti e 0,6 i passaggi respinti ogni 90 minuti. Tuttavia, lo svizzero è un calciatore che si destreggia bene anche con la palla fra i piedi ed è bravo a difendere il possesso: sono infatti 1,2 i falli subiti ogni 90', mentre sono 1,3 quelli commessiXhaka tenta 0,6 dribbling ogni 90 minuti (con il 50% riusciti), sono 0,7 le palle perse e 0,4 i contrasti subiti

Per quanto riguarda i tiri in porta, Xhaka non è molto presente in zona gol: in questa stagione nel massimo campionato inglese, ha tirato verso lo specchio avversario 0,7 volte ogni 90 minuti, di cui 0,6 da fuori area e 0,1 in area. Il classe '92, impiegato spesso da mediano, cerca più la via del passaggio piuttosto che quella della conclusione, anche se nella sua carriera ha abituato a grandi prodezze balistiche da lontano. Si tratta di un centrocampista molto ordinato: sono 78,1 i passaggi tentati ogni 90 minuti (con una percentuale di completamento addirittura del 90%, mentre nella propria metà campo del 96% e nella metà campo avversaria dell'85%), mentre i passaggi chiave sono 0,6.

Carriera

Xhaka ha iniziato la sua carriera nel Basilea, debuttando in prima squadra nella stagione 2010-11, a diciotto anni. Resta in Svizzera fino al 2012, collezionando con il club rossoblu 67 presenze, 3 gol e 7 assist, vincendo in due occasioni il campionato e una Coppa di Svizzera oltre ad esordire in Champions ed Europa League. Le sue prestazioni attirano l'interesse del Mönchengladbach, che lo porta in Germania, non ancora ventenne, per 8,5 milioni di euro. Al Borussia trascorre tre stagioni, nella quali si consacra come uno dei centrocampisti più interessanti del panorama europeo: con il club tedesco giocherà 140 partite, condite da 9 reti e 8 assist. Nell'estate del 2016 si trasferisce all'Arsenal, fortemente voluto da Wenger, che sborsa ben 45 milioni di euro per accaparrarselo. Finora Xhaka ha giocato 220 partite con la maglia dell'Arsenal (nel 2017-18 non ha saltato nemmeno una gara di Premier League), segnando 13 gol e servendo 16 assist ai compagni. Il centrocampista è il capitano della Svizzera, la sua nazionale, con la quale ha esordito nel giugno 2011, mettendo insieme 94 presenze.