Quella appena conclusa è stata la terza stagione da romanista per Javier Pastore. Il trequartista argentino però, a causa dei continui problemi fisici, non è mai riuscito a trovare continuità di rendimento nella Capitale. Con il contratto in scadenza il 30 giugno del 2023, il classe 1989 comincia a ragionare sul suo futuro e ne ha parlato anche in un'intervista rilasciata al programma radiofonico Tiempo de juego.

Sul ritorno in Argentina.
"Sogno di ritornare un giorno, ma ho ancora due anni di contratto. Nel calcio non si sa mai. Ora dico tra due anni, ma potrebbe verificarsi anche l'anno prossimo. Me lo diranno i miei sentimenti verso il calcio e la mia spinta a competere ancora ad alti livelli". 

Sul Talleres.
"Sta crescendo come club ultimamente e questo aumenta la mia voglia di tornare. Lì poi riuscirei a stare vicino alla mia famiglia".

Sulle sue condizioni fisiche.
"Ad agosto 2020 mi sono operato, sono stato fermo per sei mesi e i primi giorni di gennaio 2021 sono rientrato in gruppo. Era già passata già metà della stagione e ci è voluto tempo per riconquistare un posto in squadra. L'importante comunque è che l'operazione sia andata bene".

Sul mercato.
"Se non dovessi ricevere offerte continuerò ad essere un giocatore della Roma. Se la società mi vorrà mandare via cercheremo un club per continuare altri due anni in Europa".