L'esterno della Roma e della Nazionale Leonardo Spinazzola ha risposto alle domande dei tifosi azzurri a pochi giorni dall'inizio di Euro 2020. Queste le sue parole.

Cosa significa giocare un Europeo?
"Penso sia un sogno di tutti. Già la Nazionale è il sogno di ogni bambino, non vedo l'ora di iniziare questo percorso e questa bellissima esperienza"

Dove è cominciata la tua carriera?
"Dalla virtus Foligno, una società sotto casa"

Cosa avresti fatto se non fossi diventato un calciatore?
"Mi sarebbe piaciuto fare il parrucchiere"

Con chi vai più d'accordo nella Nazionale?
"Vado d'accordo con tutti, ma in particolare con Gianluca Mancini, Toloi e Cristante: miei ex compagni e compagni attuali nel club"

Come fai a saltare sempre gli avversari?
"Ho la fortuna di avere una buona velocità, quindi con la velocità"

Almeno a casa smetti di correre?
"Con mio figlio non molto, corro più a casa che in campo (ride, ndr)"

Qual era il giocatore che ammiravi da piccolo?
"Ho iniziato a vedere le cassette di Ronaldo, quindi tifavo Inter; poi Rui Costa, e tifavo Milan. In generale mi piacevano giocatori di fantasia e belli da vedere"

Come hai reagito dopo la prima convocazione in Nazionale?
"Ero emozionato, agitato e super felice"

Hai mai pensato di non riuscire a realizzare i tuoi sogni? Se sì, c'è qualcuno che ti ha aiutato?
"Sì, i primi anni, quando sono andato via da casa e avevo 14 anni, ho pensato tante volte di tornare a casa e smettere di giocare. Mia madre e la mia famiglia sono riusciti a reindirizzarmi"

Il tuo piatto preferito?
"Amatriciana"

Il compagno di squadra da cui hai imparato di più?
"Chiellini, ho sempre guardato il suo modo di difendere"

Con chi stai di solito in stanza in ritiro con la Nazionale?
"Gianluca Mancini"

Il primo ricordo della Nazionale?
"Euro 2000"

Come va l'intesa con Insigne?
"Va bene, quando giochi con giocatori di grande qualità ti trovi sempre bene"

Potresti essere il nostro Grosso in Euro 2020?
"Speriamo. Anche se non dovessi essere Grosso, che vorrebbe dire fare gol in semifinale e segnare l'ultimo rigore in finale, spero di vincere l'Europeo"

Come ti immagini l'Olimpico venerdì?
"Sarà bellissimo trovare, se non lo stadio pieno, tantissime persone che applaudiranno e tiferanno per l'Italia. Un saluto a tutti i tifosi"