Si va sull'altalena in Champions League tra una giornata e l'altra e alla fine della seconda però esce bene la Roma che frantuma le orgogliose resistenze ceche mentre il Cska Mosca conquista il primato nel girone battendo sul proprio campo il Real Madrid. E se si complica la via al secondo posto, paradossalmente si spiana quella al primo. E allora via libera ai sogni, in Champions ci siamo abituati. Ma per il momento ci si può limitare a considerare gli innegabili progressi mostrati dalla squadra giallorossa che ieri ha avuto la meglio su un avversario non così dimesso come il risultato potrebbe far credere. Ne ha fatti cinque la Roma, tre solo Dzeko, uno a testa Ünder e Kluivert, nella serata in cui abbiamo ammirato pure Cristante mediano al fianco di Nzonzi, Jesus impeccabile vicino a Fazio, tornato a comandare; e ancora Pellegrini, sulla scia del derby, maestoso trequartista a tutto campo, Florenzi e Kolarov incursori in missione, Olsen sorridente guardaspalle e a un certo punto della ripresa pure i giovanissimi Zaniolo e Luca Pellegrini, inseriti con Schick a condividere tanta gloria.

Non ci aveva messo molto il gigante bosniaco per riprendersi il suo punto di vista sulla Champions da quell'attico e superattico della sua incontestabile superiorità: e adesso sono venti le reti segnate in Champions League, ormai casa sua. Dategli un palla in Europa e la trasformerà in oro, ieri soprattutto nella parte sinistra dell'area: da lì sono nate tutte e tre le sue reti. È successo già al terzo minuto, con quello sventato di Reznik che ha cercato di risalire dalla linea difensiva non considerando la vena ispirata di Kolarov che invece di prima ha cercato proprio lo spazio alle spalle del terzino, magnificamente occupato da Dzeko, che da lì di sinistro non sbaglia mai e prende sempre l'angolino più lontano. Uno a zero appena partiti ed è immediato conforto al viaggio appena ricominciato in Champions dalla Roma.
Che, peraltro, nello specifico di fronte non aveva la squadra sprovveduta che quelli che si fermano solo al nome, o al risultato, potrebbero pensare. Quello di Vrba è un complesso sofisticato di giocatori pensanti che sanno sempre quel che devono fare in campo, anche solo provare a sfruttare quel poco che la Roma ha deciso di lasciare loro, peraltro solo nel primo tempo: un sinistro alto del temutissimo Krmencik, in anticipo su Jesus, dopo una buona trama sviluppata sulla catena di sinistra, e un colpo di testa di Reznik, il terzino di destra, su ennesima iniziativa mancina sull'asse Limberski-Kovarik. Due occasioni che hanno spaventato la Roma e che avrebbero potuto riequilibrare il risultato che poi, nella ripresa, ha preso la forma definitiva. Del resto la Roma di ieri sera era l'ideale prosecuzione di quella vista nel derby, con lo stesso 4231 con interpreti diversi eppure ancora fluido ed efficace in virtù soprattutto della ritrovata vena di tutti i giocatori che col primo fresco e la ritrovata fiducia sono tornati a mostrare tutte le loro qualità.

Così dopo il gol di Dzeko c'è stato un altro festival di occasioni molte delle quali nella parte destra della difesa ceca, la più esposta. Al 10' stessa verticale di prima, stavolta con Nzonzi in cabina di regia a servire ancora Edin, ma nell'occasione il suo sinistro è stato deviato in corner. Al 15' azione in fotocopia, stavolta con Dzeko a cercare da sinistra il lato opposto per far segnare Ünder, frenato dal portiere. Al 29' Kolarov ha tagliato il campo con un lancio dei suoi per il giovane turco, smanioso di mettersi in evidenza, e rapido a spostarsi da destra verso il centro, fintare due volte il mancino e poi spararlo fortissimo a far tremare la traversa. Al 35' è stato Kluivert a proiettarsi in quella terra di nessuno della parte destra dell'area ceca, e sul tentato sombrero a Hejda l'arbitro ha visto un suo fallo di mano invece di quello del ceco, e forse ha avuto ragione lui. Al 36' Pellegrini ha servito perfettamente di testa Dzeko che però non ha dato forza alla sua deviazione di testa, ma ne ha messa tanta quattro minuti più tardi, per controllare il cross lungo di Ünder da destra, metterlo giù di petto in mezzo a due difensori cechi e poi colpire fortissimo di destro a far infilare la palla sotto la traversa per il sacrosanto 2-0. Ma non era tutto per il primo tempo perché Pellegrini allo scoccare del 45' ha messo in porta Florenzi che però ha trovato il piedone proteso di Kozacik ad impedirgli la gloria del gol.

Non che la Roma abbia dovuto attendere molto per il terzo gol perché, dopo qualche schermaglia degli avversari all'inizio del secondo tempo, un'altra bellissima iniziativa passata da sinistra a destra sui piedi di Dzeko è stata rifinita splendidamente da Pellegrini per l'arrembante Ünder, per il gol della definitiva tranquillità. Non del definitivo scarto, però, perché la Roma s'è voluta divertire fino in fondo: al 28' c'è stato spazio per un altro gioiello, con l'ennesimo contromovimento del turco a sconcertare il suo dirimpettaio e a suggerire l'ennesimo lancio di Pellegrini, ancora perfettamente calibrato, con Ünder a cercare la rete con un tocco stavolta da biliardo, con il portiere a respingere giusto sui piedi di Kluivert che di forza ha ribattuto in rete, per la soddisfazione personale del suo primo gol in Champions in assoluto e con la maglia della Roma. E al 47', all'ultimo dei due minuti di recupero concessi dall'attento arbitro polacco, Dzeko ha firmato la tripletta personale e la cinquina della squadra giallorossa con un poderoso stacco di testa sopra le teste degli avversari su angolo di Florenzi, il decimo della serata.