Nel corso di una lunga intervista rilasciata a Cadena Cope, il direttore sportivo Monchi ha svelato l'esistenza di una clausola rescissoria sul suo contratto. "Sono legato alla Roma per altre due stagioni oltre a questa. E' vero che ho una clausola rescissoria, ma non mi sono fermato a pensare quale sia la mia. Se ho intenzione di onorare il mio contratto? Oggi la mia intenzione principale è quella di migliorare l'inizio della stagione che non è stato dei migliori e provare ancora di ripagare la fiducia che Pallotta e la società ripongono in me. Non mi concentro su altre cose che non riguardino il presente, ragiono giorno per giorno. Barcellona? Credo che sia ingiusto fare elucubrazioni su cose che non sono reali, mancherei di rispetto al mio club".

C'è spazio anche per le domande sul futuro nell'intervista rilasciata da Monchi nel corso di un'intervista al programma radiofonico Partidazo de Cope. In Spagna insieme alla squadra per la partita contro il Real Madrid, il direttore sportivo della Roma ha parlato anche del presunto interessamento del Barcellona nei suoi confronti. "Non ho intenzione di tornare in Spagna al momento, perché sto bene dove mi trovo. Qui c'è un progetto diverso e ho dovuto cercare il Monchi ideale per questa situazione. Sono abituato a ragionare sul presente e ho ancora diversi anni di contratto con la Roma. Non commento cose che non hanno  senso come un'offerta del Barça". Il dirigente spagnolo ha poi ribadito un concetto espresso anche nei giorni scorsi. "Il Real è pericoloso anche senza Ronaldo, vorranno vincere anche senza di lui". Su Justin Kluivert, Monchi ha ribadito che "si tratta di un ragazzo con grandi virtù, ma deve ancora migliorare. Noi non abbiamo alcuna fretta, diventerà un giocatore importante".

di: La Redazione