Dopo la vittoria per 2-0 dell'Italia ai danni dell'Irlanda del Nord, Lorenzo Pellegrini ha commentato la gara ai microfoni di Rai Sport. Il centrocampista, in campo al Tardini per 64', ha detto la sua anche sull'inizio dell'avventura di Daniele De Rossi nello staff azzurro. 

"Noi ci mettiamo tutti a disposizione dell'Italia. C'è sempre il massimo dell'impegno e dell'attenzione per vincere le partite. Oggi è andata bene".

Nel secondo tempo cosa è cambiato?
"Diciamo che inizialmente la mia posizione era di stare più fra le linee. Poi loro sono stati anche bravi nello schermare questo tipo di situazione e ho cercato più lo spazio sull'esterno. Nel secondo tempo ci hanno un po' preso le misure".

Qual'è la vera natura di Lorenzo Pellegrini?
"Non penso sia importante entrare in campo e avere un ruolo. Cerco di giocare tanti palloni che ti aiuta a stare dentro la partita e nel vivo del gioco. Sono più legato a trovare gli spazi giusti. Il ruolo è quello con cui scendi in campo ma in partita ci sono tante cose da cercare".

L'Italia è pronta per arrivare in fondo all'Europeo?
"Penso che questa squadra lo abbia dimostrata che sia matura. Che c'è un grande lavoro e un gruppo di ragazzi che ci crede. Gli Europei sono partite a sé ma la squadra ha già dimostrato di ambire a vincere".

Obiettivo della Roma.
"Non si stacca mai. È sempre un pensiero fisso. È normale che ci sono delle partite importanti per noi. Dobbiamo fare meglio in campionato per cercare di avvicinarci al quarto posto, obiettivo fissato. E abbiamo anche l'Europa League che può darci soddisfazioni".

Ritrovare De Rossi nello staff.
"È bello. Ci stiamo scherzando tanto. Lo chiamo mister. Sono abituato ad averlo a fianco a me a centrocampo. Ora fa l'allenatore. E' una persona eccezionale, un professionista e sono sicuro che dimostrerà tanto da allenatore. E' una persona eccezionale e un intenditore di calcio".