Si è tenuta oggi l'udienza conclusiva per uno dei due tifosi romanisti trattenuti in Inghilterra dopo gli scontri di Liverpool, nei quali è rimasto gravemente ferito il tifoso irlandese Sean Cox, recentemente svegliatosi dal coma, ma ancora in gravi condizioni. 

Secondo quanto riporta il Liverpool Echo, il giudice inglese ha deciso, vista l'ammissione di colpevolezza riguardo all'accusa di "disordini violenti" e la "vita impeccabile" condotta da D.S. prima dell'episodio, di infliggere al romanista il 50% della pena massima di 5 anni prevista per questo genere di avvenimenti nel Regno Unito. Quindi il tifoso giallorosso è stato condannato a due anni e mezzo di carcere.

Durante l'udienza, il giudice ha dichiarato: "D.S. non ha preso parte all'aggressione a Sean Cox. Ma essendo parte del gruppo che era nei pressi del pub ed essendo stato ripreso dalla telecamera (con il video mostrato durante il processo) mentre brandiva una cinghia, non possiamo ignorare la sua partecipazione nell'accaduto".