La sicurezza dell'esperienza o la spensieratezza della gioventù? È questo il principale dubbio che attraversa la mente di Sinisa Mihajlovic a poche ore dal fischio d'inizio di Bologna-Roma. Il dubbio riguarda la scelta del portiere che dovrà sostituire il titolare Skorupski, out fino al 2021 per una frattura alla mano. Il favorito sembra essere il vice Da Costa, estremo difensore brasiliano di 37 anni con una lunga militanza in Serie A, che sotto la gestione dell'allenatore serbo ha visto il campo solo in Coppa Italia e in una partita dello scorso campionato.

Nella testa di Mihajlovic però si è fatta largo una idea che per ora è più ipotesi che possibilità concreta: lanciare il giovane Federico Ravaglia, portiere bolognese classe 1999 che dopo due stagioni in prestito quest'anno ha fatto ritorno a Casteldebole. Ravaglia può vantare già un precedente con la Roma, affrontata senza sfigurare in una amichevole disputata a Trigoria a luglio del 2019 quando vestiva la maglia del Gubbio. Mihajlovic non sarebbe nuovo a questo tipo di sperimentazioni visto che fu proprio lui a lanciare un giovanissimo Gigio Donnarumma ai tempi del Milan preferendolo al più esperto Abbiati. Al momento il favorito resta Da Costa ma il precedente appena citato tiene accese le speranze dell'ex prodotto del vivaio rossoblù.