"L'ultimo Dpcm ci ha colti un po' di sorpresa. Ci ha stupito il trattamento riservato agli altri sport a discapito del calcio. Sembra non ci si fidi del fatto Sembra quasi che non ci si fidi del fatto che possa ripartire rispettando le norme di sicurezza". Così l'Head of Medical della Roma, Andrea Causarano, ha commentato i provvedimenti contenuti nell'ultimo Dpcm del 26 aprile all'ANSA.

"È incomprensibile non considerare il calcio nel momento in cui si dice che l'obiettivo è consentire la graduale ripresa delle attività sportive - continua Causarano - Potevamo ripartire anche noi nei centri sportivi a porte chiuse e seguendo tutte le direttive nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento".