L'onda anomala che porta il nome di Coronavirus è partita dalla Cina, ha travolto l'Italia e adesso si riversa sull'Europa e sul resto del Mondo. È ancora presto per capirne fino in fondo gli effetti che avrà sulle nostre vite, ma intanto noi abbiamo cercato di tracciare l'impatto che questa emergenza avrà sul calcio con Marco Bellinazzo, giornalista de "Il Sole 24 Ore". Ecco uno stralcio delle sue dichiarazioni:

Il Coronavirus avrà effetti anche sul passaggio di proprietà della Roma?
«L'affare al momento è sospeso, non interrotto. Non c'è nessun dietrofont da parte dei texani, semplicemente si sono avviate delle riflessioni. Gli effetti della probabile crisi economica che potrebbe colpire gli Stati Uniti hanno spinto Friedkin ad una maggiore prudenza. L'incertezza sul futuro del campionato di Serie A e delle competizioni europee hanno messo in allarme i consulenti del gruppo, portandoli a fare una nuova valutazione del club e delle prospettive di crescita. Anche perché la valutazione della Roma si basava molto sulle potenzialità di crescita attribuite al club. Friedkin ha confermato la volontà di comprare ma ora andrà rivista la valutazione economica».

Intanto quali sono le mosse di Pallotta?
«La Roma ha un fabbisogno di cassa importante e l'attuale proprietà è orientata a evitare qualsiasi tipo di problema. Copriranno le spese necessarie e questo ricadrà anche sulla valutazione futura del club. Più soldi metterà Pallotta ora e meno dovrà metterne Friedkin dopo, anche questo è argomento di trattativa. Ma sia chiaro, senza Coronavirus a quest'ora la Roma avrebbe un nuovo proprietario».

L'intervista completa sull'edizione digitale de "Il Romanista"