La raccolta fondi lanciata dal Club giallorosso tramite Roma Cares su GoFundMe ha raggiunto e superato i 500mila euro: a ieri sera le donazioni superavano i 529mila euro. Era l'obiettivo prefissato per aiutare ulteriormente l'Ospedale Spallanzani, a cui il club ha già donato 100mila euro grazie al presidente Pallotta e proprio a Roma Cares. Ieri il traguardo stabilito lo scorso 11 marzo, al momento del lancio della campagna benefica, è stato tagliato. Il tutto, a cinque giorni da un altro bel gesto: la squadra aveva infatti devoluto una giornata del loro stipendio, per oltre 200mila euro, permettendo l'acquisto di tre ventilatori polmonari per la terapia intensiva e otto letti dedicati allo stesso trattamento, nell'ambito della lotta al Covid-19.

Non solo: proseguono le aste benefiche su Charity Stars. L'ultimo cimelio messo in vendita è la maglia indossata da Francesco Totti in Juve-Roma del 5 settembre 2014, che in poche ore ha già raggiunto i duemila euro di offerta. Sono ancora all'asta anche gli scarpini Nike di Chris Smalling (con tanto di autografo) e la maglia away di questa stagione di Nicolò Zaniolo, completa di dedica personalizzata. Da ieri c'è anche la possibilità di aggiudicarsi una maglia autografata da squadra e staff. La divisa indossata da Dzeko in Roma-Samp del 2016 (edizione speciale con sponsor in cinese) è stata invece venduta a 1.970 euro. Mentre prosegue la distribuzione di materiali sanitari a vari ospedali della Capitale, la Roma da domani inizierà a distribuire beni di prima necessità a tutti gli abbonati over 75, che riceveranno a casa un box di Roma Cares contenente cibo e presidi sanitari utili per proteggersi. L'ennesima iniziativa lodevole del Club in questo difficile momento per il nostro Paese.