L'aereo personale di Pallotta è sbarcato a New York nel primo pomeriggio (orario americano) sembrava fosse addirittura vicino l'annuncio delle firme sui contratti. Ma il presidente della Roma, contattato dal Romanista, ha escluso la sua presenza: "Non sono neanche vicino New York". Eppure c'è chi giura di averlo visto arrivare e ripartire per una destinazione esotica. Di sicuro in ogni caso c'erano i massimi dirigenti del Gruppo Raptor, gli stessi che si sono visti negli uffici dell'Eur nei giorni della due diligence a conferma che si sta lavorando alacremente sui dodici contratti delle società che compongono la galassia As Roma. Ma per il via libera bisogna ancora aspettare poche ore o qualche giorno.