Mettiamo insieme i pezzi. In autunno erano arrivate le primissime informazioni sulla terza maglia che la Roma vestirà l'anno prossimo: base prevalentemente nera, i dettagli arancione vivace. Dopo qualche giorno sono state pubblicate le prime foto (tramite il portale Ofoball) del materiale tecnico che sarà indossato dai giallorossi nel corso della stagione 2020-21: le felpe e le magliette, evidentemente collegate a quella che sarà la terza divisa, mostrano uno strano pattern a piccoli cerchi irregolari sparsi sullo sfondo.

Infine, in settimana, il sito specializzato Footy Headlines ha rivelato che le terze divise Nike 2020-21 saranno ispirate al design della celebre linea Air Max, sulla scia dell'innovativa collaborazione con il brand Jordan per le divise del Paris Saint-Germain. Come riporta il portale, la prossima terza maglia della Roma sarà ispirata, in particolare, alle "Nike Classic Air Max Safari", che presentano proprio quel pattern svelato in anteprima da Ofoball attraverso il materiale tecnico della prossima stagione. Dunque, come dobbiamo immaginarcela questa maglia? A partire dagli indizi, dovrebbe essere simile alla casacca vestita da Totti e compagni nella stagione 1998-99: fondo nero, fianchi grigi tagliati da fasce arancioni, dettagli ancora arancioni. Ma stavolta, da aggiungere alle linee generali, che potrebbero essere molto vicine, ci sono almeno il logo in negativo e il pattern a macchia di leopardo, ripreso dalle sneaker di riferimento. Per quanto riguarda la disposizione cromatica di pantaloncini e calzettoni non sappiamo ancora nulla, idem per il modello della casacca perché Nike non ha reso noto il template globale di nuova generazione, che sarà presentato prima dell'inizio degli Europei.

Ghiacciolo e marmo

Se ora possiamo già avere un'immagine mentale della terza maglia, restano invariate le informazioni che abbiamo sulle altre due divise rispetto alle indiscrezioni che erano giunte in autunno. La prima sarà una rivisitazione della "Maglia Ghiacciolo", ma il rosso sarà decisamente più scuro della casacca indossata nel corso della stagione 1979/80 e dovrebbe essere meno presente o addirittura assente il bianco che caratterizzava

Il design dell'epoca di Gratton.

Ancora Gratton sulla divisa da trasferta, color "Pale Ivory" (traducibile con "avorio pallido") e con i dettagli rosso scuro, con il Lupetto sulla sinistra. Schema, questo, già visto sull'away kit 2016/2017, ma con la probabile differenza che, almeno per quanto ci suggeriscono le anticipazioni del portale Ofoball del materiale tecnico, il Lupetto non sarà circoscritto. Ad oggiqueste sono soltanto ipotesi, ma già abbiamo chiaro il tema della prossima stagione: innovazione e tradizione.