Allo Stadio Olimpico si è da poco conclusa Roma-Brescia, finita 3-0 per i giallorossi grazie alle reti di Smalling, Dzeko e al primo gol in maglia giallorossa di Mancini. Zaniolo, che era diffidato, salterà la gara di domenica 1 dicembre contro il Verona dopo essere stato ammonito all'80' al momento della sostituzione. Al termine della gara, Paulo Fonseca ha parlato ai microfoni dei giornalisti. Ecco le sue parole:

A Sky

Cosa ha detto negli spogliatoi?
"A volte è necessario parlare alla squadra. Nel primo tempo non abbiamo giocato con molta intensità e aggressività. Avevamo lo spazio per giocare".

Che comunicazione usa quando le cose vanno male?
"Dipende dalla situazione, a volte mi arrabbio e a volte con calma spiego ai giocatori cosa migliorare".

Bisogna migliorare il gioco a terra?
"Abbiamo bisogno sempre di migliorare ogni aspetto della partita. Oggi abbiamo fatto gol su palle ferme e la squadra ha avuto altre situazioni dove potevamo fare gol giocando il pallone".

Pellegrini e Zaniolo possono giocare insieme?
"Sì, possono giocare insieme e in diverse posizioni. Per Pellegrini è il primo giorno dopo l'infortunio e ha fatto una buona gara".

Come trovate l'equilibrio?
"Nel primo periodo abbiamo trovato l'equilibrio grazie a Mancini. È stato un periodo di sicurezza difensiva. Adesso con Diawara e Veretout che è un giocatore importantissimo per noi".

Su Florenzi e sui calci d'angolo
"Sui calci d'angolo ci lavoriamo sempre prima delle partita e con attenzione. Abbiamo uomini molto forti in questo. Florenzi ha giocato bene e può migliorare offensivamente. Oggi ha giocato bene. Può giocare in diverse posizioni: come ala, come terzino, poi dipende dal momento della squadra".

Come ha spiegato a Florenzi che doveva partire dalla panchina queste settimane?
"Non ho bisogno di spiegare questa questione per giocatore. Il giocatore ha capito che l'ho fatto per la squadra. Posso parlare ma non bisogno parlare con Florenzi. Ho parlato sempre della situazione con grande equilibrio, con Florenzi così come con altri".

A Roma Tv

Lei chiedeva più rotazione, questi giorni di sosta sono serviti per recuperare uomini ed energie e questo si è visto in campo...
"Abbiamo fatto un primo tempo senza mettere velocità e intensità. All'intervallo abbiamo parlato di questo con i giocatori e la squadra ha giocato meglio". 

Questa squadra non ha frenesia. Dal primo episodio del secondo stempo si è sbloccata psicologicamente...
"E' normale che succeda così. Il primo tempo è stata una questione di ultima deicisione presa. Non abbiamo fatto bene le cose nel momento decisivo. All'inizio del secondo, con il gol realizzato abbiamo avuto più equilibrio, fiducia e la squadra ha giocato meglio. Senza fare una grandissima partita ma molto meglio". 

Nel primo tempo c'era da rischiare la giocata in verticale?
"La verità è che non c'era molto spazio nel corridoio centrale non non abbiamo trovato la soluzione migliore. Quando la palla arrivava a Kolarov e Florenzi l'unica soluzione era il cross. Non è così che deve essere, dobbiamo migliorare su questo tipo di gestione". 

Giovedì c'è una parita delicata. La Roma sulla carta è superiore...
"Dobbiamo dimostrare in campo che siamo superiori, dobbiamo pensare che è una partita molto importante, ma difficile. I giocatori devono capire che è una partita importante e devono affrontarla con coraggio, fiducia e grande atteggiamento. Se c'è spirito di squadra possiamo vincere...". 

Dal punto di vista tattico le squadre in Italia sono molto organizzate, vedi Genova. Oggi tante palle inattive, la Roma ha giocatori bravi di testa e con i piedi. State lavorando su questo?
"Proviamo sempre queste situazioni in allenamento e prima della partita. Dobbiamo capire che abbiamo tanti giocatori forti in questo momento. Siamo una squadra aggressiva, è un momento importante e dobbiamo lavorare su questo".