Bryan Cristante non sarà operato per l'infortunio al tendine dell'adduttore che lo ha messo ko durante Sampdoria-Roma: la terapia conservativa sta facendo effetto e quindi non sarà necessario affrontare l'intervento chirurgico.

L'ex atalantino era volato in Finlandia per far visitare dal dottor Orava, uno specialista in questo tipo di infortuni che in passato ha curato altri grandi campioni del mondo del calcio. La cura specifica che gli è stata affidata sta dando i suoi frutti anche se Cristante non rivedrà il campo prima del 2020.

Intanto la Roma si è ritrovata di nuovo a Trigoria per preparare la sfida di giovedì contro il Borussia Mönchengladbach: il gruppo ha svolto esercizi sulla rapidità e sulla tattica, hanno svolto ancora lavoro differenziato gli infortunati Zappacosta, Mhkitaryan, Pellegrini, Kalinic e lo stesso Cristante