Alexander Kolarov ha parlato davanti le telecamere dopo la vittoria della sua squadra contro il Bologna al Dall'Ara. Ecco le sue parole:

Kolarov ai microfoni di Sky

C'è una statistica che riferisce che ha segnato su punizione solo meno di Messi, non è che stai abituando la Roma a segnare sempre?
"Era una punizione dove sono sempre fiducioso di fare gol. Prima della barriera ho pensato di far passare il pallone sopra la barriera".

Vittoria di carattere e ottima condizione fisica, è un gruppo che sta bene…
"Sì, stiamo bene soprattutto perché cerchiamo di giocare sempre e far correre gli avversari, quindi cerchiamo di mantenere anche le energie. E' una vittoria fondamentale per indirizzare la squadra. Abbiamo partite ravvicinate, abbiamo vinto in casa e ora fuori. Dobbiamo solo di cercare avanti".

Che percezione hai avuto dal campo del rigore causato?
"Dal campo ero convinto di non averlo preso, poi non posso sparire dopo aver toccato il pallone. Confermo questo dopo aver visto le immagini dallo spogliatoi. Al Var dovevano controllare bene, ho chiesto all'arbitro di rivedere le immagini. Si vede nettamente che prendo il pallone, poi ci sta sbagliare. Peccato, poteva compromettere una partita dominata".

Kolarov ai microfoni di Roma Tv

Che partita è stata considerando il momento del rigore per il Bologna e nel complesso?
"Abbiamo dominato dal'inizio alla fine. L'abbiamo aperta, peccato perché un episodio poteva compromettere tutto, bastava rivederlo. Alla fine abbiamo vinto però bisogna cercare di vedere meglio le cose. Serve il Var, ci sono le telecamere che potevano vedere tutto. Ci sono state tante ammonizioni ai nostri giocatori. L'arbitro ha fatto una buona gara, peccato per i due episodi che potevano compromettere la nostra partita".

Sui calci piazzati hai numeri molto importanti...
"Sono numeri che fanno piacere, i numeri dicono la verità e a volte no. Adesso abbiamo tra tre giorni una partita tosta e sarà importante. Anche questa è una vittoria fondamentale per indirizzarci verso la parte alta della classifica".  

Come mai hai dato ficucia a Pellegrini sulla punizione?
"Sono uno che da fiducia a tutti i miei compagni, volevo farne prendere un po' anche a Pellegrini (ride)". 

L'arbitro cosa ha detto del Var? Gli hanno comunicato qualcosa?
Io gli ho detto di rivedere ma nemmeno dieci secondi dopo ha confermato il rigore. Lì ho pensato di aver sbagliato io, ma la sensazione era di aver preso la palla. Dopo la partita ho visto il video e sono rimasto sorpreso, pensavo di essermi sbagliato. L'arbitro poteva compromettere una partita dominata da parte nostra". 

In generale cosa ti è piaciuto e cosa no della squadra?
Credo che la squadra dal primo minuto cerca sempre di giocare, abbiamo giocatori di qualità. Il mister cerca di imporre il gioco e sfruttare le nostre qualità e anche in dieci siamo stati pericolosi".