L'Antivigilia di Genoa-Roma, ultime due giornate per assicurarsi un posto sugli spalti di Marassi. Alle ore 19 di domani calerà il sipario sulla vendita dei 2mila tagliandi dello spicchio compreso tra Gradinata e Tribuna. Esauriti in sole due giornate i biglietti dei settori TL6 e OL6 (settore ospiti superiore), sono ancora a disposizione poco meno di un migliaio di posti in quello inferiore (PL6).

Sono così più di mille, a due giorni dal fischio d'inizio in programma domenica alle ore 18, i tifosi romanisti alle prese con il conto alla rovescia tipico di una trasferta. La penultima di una lunga stagione in cui la tifoseria giallorossa ha colorato tutti i settori con la sola eccezione del San Paolo di Napoli, a causa del divieto di trasferta, con una media stagionale in campionato di oltre 1.200 spettatori medi per ogni partita disputata dalla Roma lontana da casa.

Ma non dai suoi romanisti che attendono con impazienza di macinare centinaia e centinaia di chilometri per raggiungere la lontana Genova, chi viaggiando con mezzi propri chi in treno, chi con un rientro programmato nel cuore della notte e altri che approfitteranno del dì di festa per smorzare l'attesa tra i vicoli genovesi. Per chi fosse interessato ad unirsi alle già folte file romaniste, basterà recarsi presso uno dei centri Ticketone abilitati alla vendita oppure in alternativa acquistare un biglietto direttamente sul sito ufficiale del circuito.

Tagliandi che, come noto, possono essere ottenuti senza l'obbligo di presentare una tessera di fidelizzazione (Club Privilege, Roma o Away Card), al costo di 35 euro più diritti di commissione e con riduzione a 20 euro per gli Under 16. Genova è ormai alle porte, per la gioia dei tanti romanisti che non vedono l'ora di poter popolare lo spicchio di Marassi dal quale daranno vita ad un canto d'amore lungo novanta e più minuti.

Ad attenderli una tifoseria rossoblù che, a tre giorni dalla sfida, si è riunita nella serata di ieri presso la Sala Chiamata del Porto per dar vita ad un'assemblea pubblica in cui sono state decise nuove iniziative di protesta nei confronti della presidenza Preziosi. Dopo aver disertato il match interno con il Torino e la trasferta di Ferrara sul campo della Spal, il cuore pulsante del tifo genoano potrebbe decidere di replicare tale modus operandi lasciando vuota gran parte della Gradinata.

Un'ipotesi che comunque non cambierà il desiderio dei romanisti di alzare i decibel per dimostrare il solito attaccamento alla maglia giallorossa, per far riecheggiare nella serata genovese il rumore dei cori e dei battimani utili per aiutare gli uomini di mister Ranieri a conquistare 3 punti di vitale importanza per la corsa ad un posto in Champions. Genova per loro: la penultima tappa della stagione al fianco della Roma.