Il piccolo Samuele ha rinnovato intanto il contratto con la passione per la Roma. Giornata da sogno per il giovanissimo sostenitore romanista, così deluso da Roma-Juventus dello scorso 9 gennaio da esser tentato per una sera sola di abbandonare il calcio e il tifo per la Roma, invitato al Fulvio Bernardini per "ricucire" quel rapporto che per la verità già la mattina seguente era già rinsaldato. Mediatore il capitano, Lorenzo Pellegrini, che nell'ambito di un contest di Hyundai, ha fatto da padrone di casa con il ragazzo: «Non ho mai pensato seriamente di lasciare il calcio e la Roma», dice Samuele, seduto come fa Mourinho ogni settimana nella sala conferenze, nello spot. «Rinnovo a vita, perché è un sogno», scrive sul contratto. «Dillo a me... - commenta Lorenzo Pellegrini, seduto accanto a lui - dai momenti più difficili nella vita come nel calcio si esce più forti, si ama di più, si tifa di più». Una spiegazione "paterna", da capitano, appunto, al piccolo tifoso romanista dal numero 7 (lo stesso della maglia donata a Samuele per il "rinnovo": «Devo cambia' numero ora che me l'hai preso tu...», scherza). E vissero tutti romanisti e contenti.