Cronistoria

La Roma nel 2021, l'inizio di un nuovo ciclo: ovunque proteggici Mou

Finisce l'era Fonseca e i giallorossi voltano pagina. L'estate è dominata dagli Europei che vedono trionfare gli azzurri. Ma soprattutto a Ciampino sbarca lo Special One

30 Dicembre 2021 - 18:30

Prosegue il nostro viaggio nel 2021 giallorosso. Conclusa la stagione, Fonseca lascia Trigoria. I tifosi ringraziano il portoghese per il lavoro svolto ma è ora di cambiare aria, la piazza attende Mourinho. Del resto non possono essere soddisfatti dal settimo posto in campionato, nonostante alcune indiscutibili ottime prestazioni in Europa League. In tal senso è stato decisivo il pessimo girone di ritorno, dove la Roma ha lasciato per strada tantissimi punti. Parma, Torino, Sampdoria, Cagliari, Spezia...La più grande virtù del girone di andata, cioè la capacità di vincere tutte le partite con le medio-piccole, si è rivoltata contro i giallorossi. Senza contare che è continuato anche il trend negativo delle sconfitte nei big match. La qualificazione alla Conference League è stata ottenuta solo all'ultima giornata, a cinque minuti dalla fine, difesa strenuamente dagli assalti finali del Sassuolo di De Zerbi. Sicuramente ci sono delle cause razionali che spiegano, in parte, il pessimo rendimento in Serie A: in primis la stanchezza accumulata e una rosa non abbastanza profonda. Ma i tifosi guardano verso il futuro e lo fanno con giustificato ottimismo grazie allo Special One, il cui annuncio è stato un vero e proprio shock positivo. L'estate 2021 però passa alla storia come la prima edizione di un Europeo di calcio itinerante, e il miglior calciatore della competizione (secondo molti) è un romanista..

Cronistoria

11 giugno, Euro 2020: Italia Turchia 3-0 Gli azzurri esordiscono con una brillante vittoria.
2 luglio, arrivo di Mourinho L'Italia vince col Belgio e Spinazzola, il miglior azzurro finora, si infortuna gravemente: tornerà l'anno venturo. Ma la notizia più importante è l'arrivo nella Capitale dello Special One, portato in aereo direttamente da Dan Friedkin.

11 luglio, Euro 2020: Inghilterra Italia 1-1 (2-3 dcr) Gli azzurri si impongono sull'Inghilterra ai calci di rigore. La Coppa torna azzurra: non lo era dal 1968. 

2 agosto: sorteggio Conference League Incontreremo la vincente tra Molde e Trabzonspor ai preliminari
14 agosto, amichevole: Roma-Casablanca 5-0 Esordio dei giallorossi allo stadio Olimpico. Ci imponiamo senza difficoltà e aspettiamo gare di ben altro livello. 
19 agosto, andata dei preliminari di Conference League: Trabzonspor-Roma 1-2  Apre le danze capitan Pellegrini, non poteva che essere altrimenti. Pareggia Cornelius ma Shomurodov la decide a pochi minuti dalla fine. My way, anzi: "Mou Way".

22 agosto, Serie A: Roma Fiorentina 3-1 Tre punti all'esordio in campionato. 
26 agosto, preliminare di ritorno di Conference LeagueRoma-Trabzonspor 3-0 Vinciamo in scioltezza e siamo qualificati ai gironi. Non era scontato.
29 agosto, Serie A: Salernitana-Roma 0-4 Il primo tempo finisce 0-0 e dà la sensazione di una gara difficile da sbloccare. Ma nel secondo ci riusciamo subito e il muro granata crolla. Pellegrini trascinatore e capitano. Prima sosta.
12 settembre, Serie A: Roma-Sassuolo 2-1 Sembra giunto il primo stop. E invece no: El Shaarawy segna all'ultimo e Mourinho corre verso la Sud. Scena iconica. Annullato il gol di Scamacca allo scadere. 

16 settembre, Conference League: Roma-Sofia 5-1 Andiamo sotto e la rimontiamo. Facile e senza dolore. Continua la forma smagliante di Pellegrini che segna un gol da dieci. 
19 settembre, Serie A: Verona-Roma 3-2 Prima sconfitta. Mourinho aveva annunciato che prima o poi sarebbe arrivata. Dobbiamo reagire: lo faremo. 
23 settembre, Serie A: Roma-Udinese 1-0 Abraham di tacco. Nel finale, Pellegrini viene inspiegabilmente ammonito e costretto a saltare il derby essendo diffidato.

26 settembre, Serie A: Lazio-Roma 3-2 Ce la giochiamo ma vincono loro. Arbitraggio discutibile. 

30 settembre, Conference League: Zorya-Roma 0-3 Facile e indolore.
3 ottobre, Serie A: Roma-Empoli 2-0 Segnano Pellegrini e Mkhitaryan. Era difficile, solo dopo capiremo quanto. I toscani sono una bella squadra e mettono in difficoltà tutti. Tre punti fondamentali. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tags: