José Mourinho, allenatore della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai canali social del club giallorosso in vista del match contro lo Zorya:

"La prossima partita è sempre la più importante, abbiamo tre punti e ne abbiamo bisogno di tanti in più per qualificarci. Abbiamo lavorato molto bene".

Che avversario immagina di trovarsi davanti? Avrà analizzato un po' l'avversario, non lo conosciamo molto.
"Lo abbiamo analizzato tanto. È un avversario che ha un modo specifico di giocare, un 4-4-2 con un rombo a centrocampo. Giocano diretto, sono aggressivi, sanno come difendere. Il risultato di Bodo è un risultato falso, qualche volta nel calcio il risultato non è la conseguenza logica della partita. Ho giocato tre anni fa contro di loro con il Manchester United ed è una squadra top nel loro paese, una squadra che prende sempre giocatori di livello in Ucraina, non sarà facile. La cosa buona è che lo stadio è bello, il campo è fantastico, meglio di tutte le altre volte che ho giocato in Ucraina. La temperatura prevista è perfetta per giocare. Speriamo di riuscire a fare risultato".

Karsdorp e Veretout non sono partiti, pensa di cambiare molto rispetto all'ultima partita?
"Qualcosa si cambia sempre, qualcuno deve riposare. Karsdorp e Veretout non sono qui perché hanno giocato tanto e sono giocatori di ruoli dove non abbiamo tante alternative simili. Ci sono calciatori che hanno bisogno di giocare, che non lo hanno fatto tanto e meritano un'opportunità. Però avete visto per esempio contro il Cska che abbiamo fatto qualche cambio, ma la squadra aveva una struttura forte e sarà lo stesso.

La missione è dare continuità alle vittorie in Conference e arichiviare la qualificazione il prima possibile?
"Se possibile. L'ultima partita sarà in Bulgaria a dicembre, con il freddo, con l'accumulo di partite, perché a dicembre hai un'accumulo di partite diverso. Se è possibile l'obiettivo è qualificarci il prima possibile, però adesso abbiamo due partite fuori casa, è importante fare punti per metterci in una situazione dove possiamo definire il discorso qualificazione con le due partite all'Olimpico".