Junior Moraes commenta l'eliminazione agli ottavi di Europa League per mano della Roma. L'attaccante degli ucraini ha segnato il gol del momentaneo pareggio nella gara di ritorno. Ai microfoni di Futbol 1 TV ha detto la sua sul doppio confronto. 

Siete arrabbiati per il fatto che siete riusciti a segnare solo un gol?
Sì, perché penso che abbiamo giocato bene nel primo tempo. Senza dubbio, dopo il 3-0 era molto difficile rimontare contro la Roma. Però voglio congratularmi con la squadra per aver lottato e fatto il suo meglio.

Gli esperti dicono che Paulo Fonseca ha visto giusto su di voi e invece voi non siete riusciti a sorprenderlo. È d'accordo?
Certo. Fonseca conosce molto bene i nostri giocatori perché ha lavorato qui per tre anni, conosce certi dettagli. Anche per questo è stato difficile per noi.

Su quale momento avete più rimpianti? Qualche poteva essere quello decisivo?
Penso che il momento chiave è stato a Roma nel secondo tempo quando hanno fatto fallo su Ismaily, ma l'arbitro non lo ha fischiato lasciando andare il gioco. E la Roma ha segnato un altro gol dopo il contropiede. C'era stata anche una situazione simile a favore della Roma, quando Alan Patrick ha commesso fallo su Diawara, ma in quel caso l'arbitro ha fermato il gioco ammonendo il nostro giocatore. In quel momento stavamo facendo bene ed eravamo andati vicini al gol, sentivamo che la Roma era in difficoltà. Quel momento è stati cruciali.

Non ha trattenuto le sue emozioni dopo il gol
Sicuramente, volevo fortemente segnare, ma ancora di più volevo passare il turno.