Neymar jr come non lo avete mai visto. L'attaccante brasiliano, reduce dalla delusione mondiale, sveste i panni della stella e mostra al mondo il suo lato umano. Finito al centro delle critiche per le prestazioni poco brillanti ma soprattuto per le sue cadute vistose in campo, ha scelto di raccontarsi attraverso uno spot apparso sul suo profilo twitter. "Tacchetti sugli stinchi. Calcio alla schiena. Pestone al piede. Potreste pensare che io esageri e a volte è così - ammette il fantasista del Psg -. Ma la verità è che in campo io soffro. E voi non avete idea di cosa io viva al di fuori. Quando me ne vado senza parlare con i giornalisti non è perché mi piace solamente vincere, ma perché non ho ancora imparato come non deludervi. Quando sembro maleducato non è perché sono un bambino viziato, ma perché non ho ancora imparato a combattere le mie frustrazioni. C'è ancora un ragazzo dentro di me. A volte incanta il mondo, altre fa arrabbiare tutti. E io lotto per tenere questo ragazzo vivo, ma dentro di me, non in campo. Potreste pensare che io cada troppo spesso, ma la verità è che cado a pezzi - prosegue Neymar -. E questo fa male molto di più di qualcuno che ti cammina sulla caviglia operata. Mi ci è voluto tempo per accettare le vostre critiche. Mi ci è voluto tempo per guardarmi allo specchio e diventare un uomo nuovo. Ma eccomi qui, a cuore aperto. Sono caduto, ma solo chi cade può rialzarsi. Potete continuare a scagliare pietre contro di me o potete tenere le pietre lontane e aiutarmi a rialzarmi. Perché quando mi rialzo, tutto il paese si rialza con me".