Saranno Russia e Croazia a chiudere il programma dei quarti di finale, sfida in programma alle ore 20 presso il Fisht Stadium di Sochi. Padroni di casa sulle ali dell'entusiasmo dopo il sorprendente successo contro la Spagna, una lotteria dei rigori che ha sorriso ai russi forti delle parate di Akinfeev. Avversaria una Croazia apparsa leggermente sottotono nella seppur vittoriosa sfida con la Danimarca. Un altro match deciso dagli undici metri dopo il pareggio dei tempi regolamentari e l'errore dal dischetto di Modric nei supplementari. Smaltite le fatiche delle due ore di gara degli ottavi, le squadre cercheranno di raggiungere l'Inghilterra nella semifinale di mercoledì prossimo. "Cerco di non vedere la televisione e di non leggere i giornali, sono concentrato sul mio lavoro. La partita con la Spagna è stata un momento storico per il nostro paese, ora dobbiamo voltare pagina e mettere da parte l'euforia della vittoria negli ottavi. Contro la Croazia sarà una sfida da dentro o fuori in cui non saranno ammessi errori", queste le parole del Ct russo Cherchesov in conferenza stampa.

Dopo lo spavento degli ottavi contro la Danimarca e le parate di un Subasic capace di trascinare i suoi ai quarti, la Croazia è pronta a mostrare nuovamente il suo abito migliore con il desiderio di replicare le performance della fase a gironi. «Hanno battuto la Spagna, se sono qui è perché se lo sono meritati. Non sarà semplice giocare davanti a così tanti tifosi russi», le parole della vigilia del Ct croato Dalic. Croati che cercheranno di sfatare il tabù legato alle sfide dei Mondiali contro le squadre ospitanti, dopo le sconfitte del 1998 nella semifinale con la Francia padrona di casa – miglior risultato di sempre nella competizione – e il 3-1 contro il Brasile nel 2014.

Russia che invece farà affidamento sulla statistica che vede cinque delle ultime sei nazionali ospitanti mai sconfitte in un quarto di finale, dall'Italia del 1990 fino ai brasiliani nell'edizione di quattro anni or sono. Prima sfida tra Croazia e Russia in un Mondiale, con i tre precedenti che vedono i croati in vantaggio grazie all'unica vittoria a fronte di due pareggi. Si preannuncia così una sfida ricca di emozioni, con la giovane stella russa Golovin chiamata al difficile confronto con il fenomenale centrocampo croato guidato da Modric. Ne resterà soltanto una.

Le formazioni ufficiali:

Russia (3-4-2-1): Akinfeev; Mario Fernandes, Kutepov, Ignashevich; Samedov, Zobnin, Kuzyaev, Kudryashov; Cheryshev, Golovin; Dzyuba. Allenatore: Cherchesov.

Croazia (4-2-3-1): Subasic; Vrsaljko, Lovren, Vida, Strinic; Rakitic, Modric; Perisic, Kramaric, Rebic; Mandzukic. Allenatore: Dalic.