Lieto fine e capitoli di coda della telenovela Sarri. L'ex allenatore del Napoli è ormai in procinto di diventare ufficialmente la nuova guida tecnica del Chelsea. Scaduta la clausola di rescissione da otto milioni di euro, i Blues hanno trattato a lungo con Aurelio De Laurentiis, fino a raggiungere un'intesa sulla base di circa cinque milioni. L'accordo per un triennale da sei milioni annui era stato trovato già da molto tempo e negli ultimi giorni di trattative si è parlato soprattutto dello staff di Sarri e delle strategie di mercato per il rafforzamento della squadra. L'allenatore toscano non ha fatto mistero della sua voglia di pescare in Serie A, scrivendo in cima alla propria lista della spesa i nomi di Daniele Rugani e Gonzalo Higuain. Entrambi potrebbero lasciare la Juventus e sarebbero ben lieti di tornare a lavorare con l'ex Empoli, con il quale hanno mantenuto un rapporto molto buono, nonostante la mancata partecipazione alla prossima Champions League. Valutato inizialmente quaranta milioni di euro, il difensore centrale ha già espresso il proprio gradimento all'ipotesi Chelsea che nei prossimi giorni vorrebbe presentare una nuova offerta alla dirigenza bianconera. L'attaccante argentino costa cinquanta-cinquantacinque milioni di euro. Consapevole di aver raggiunto i suoi massimi livelli proprio durante la prima stagione napoletana di Sarri, il Pipita sarebbe disposto a considerare anche una riduzione dello stipendio per venire incontro alla politica di ingaggi della società londinese, poco incline a fare follie per gli over 30.

Incubo clausole

A proposito di Napoli, dirigenza e proprietà dovranno convivere ancora per qualche giorno con l'incubo delle clausole rescissorie. Quella di José Maria Callejon, fissata in ventitré milioni di euro, scadrà il 30 giugno. Atletico Madrid, Chelsea e, soprattutto, Milan hanno già parlato con l'entourage dell'attaccante esterno. L'ex Real Madrid non è ritenuto un intoccabile da Carlo Ancelotti, a differenza di Raul Albiol. Il difensore spagnolo può partire per appena sei milioni di euro e la voglia di tornare a giocare in patria potrebbe persuaderlo ad accettare la corte del Villarreal. Il pressing del submarino amarillo è costante, così come quello dell'allenatore del Napoli che ha telefonato al calciatore per convincerlo a restare, così come ha fatto con Marek Hamsik. In entrata, lo sprint per Alex Meret potrebbe condurre all'ombra del Maschio Angioino anche Karnezis per fare da chioccia al giovane collega dell'Udinese. A proposito dei friulani, i bianconeri fanno sul serio per Rolando Mandragora. Nel corso degli ultimi contatti con la Juve, la dirigenza ha manifestato la disponibilità ad avvicinarsi molto alla valutazione di venti milioni di euro data dai torinesi al centrocampista. In casa Inter, passi avanti per Malcom del Bordeaux.