I giocatori del Borussia Moenchengladbach rinunciano allo stipendio per aiutare il club ad affrontare la crisi dovuta al coronavirus. La pandemia che sta stravolgendo il mondo, oltre a portare con sé l'emergenza sanitaria, ha impatti devastanti anche su quelli che sono gli aspetti economici dei club di tutto il mondo. "Stiamo vivendo il momento più difficile dal 1999 - ha dichiarato il direttore generale dei tedeschi Stephan Schippers in un'intervista al sito ufficiale - dobbiamo dirlo apertamente. Ci aspettiamo perdite sotto tanti aspetti". 

Il ds del club Max Eberl, nella stessa intervista ha reso nota l'iniziativa presa dai membri della squadra: "Non ho dovuto spiegare molto della situazione alla squadra. I giocatori sanno cosa sta accadendo. E' il loto lavoro e si sono già informati. Il team si è offerto di rinunciare allo stipendio se può aiutare il club e quindi i dipendenti. Sono molto orgoglioso dei ragazzi. Segnale chiaro: stiamo insieme per il Borussia, nei periodi positivi e negativi. Vogliono restituire qualcosa al Borussia e quindi anche a tutti i fan che ci supportano. Lo staff tecnico si è unito alla loro proposta, proprio come i nostri amministratori e amministratori delegati".